L'allarme era stato lanciato nei mesi scorsi dal presidente della Uefa Ceferin, ora la Bild anticipa le imminenti riforme sollecitate dalla Fifa per porre un freno all'utilizzo selvaggio dei trasferimenti in prestito da parte dei club. Il numero uno del massimo organismo europeo aveva puntato il dito in particolare sulla Juventus nello scorso gennaio, parlando dei 103 calciatori controllati tra Italia ed estero (di cui 26 prestiti, per un valore complessivo di oltre 116 milioni di euro), una situazione che non sarà più ripetibile qualora il provvedimento fosse confermato.

La Fifa avrebbe in mente di consentire un massimo di 8 cessioni a titolo temporaneo in una sola finestra di mercato, limitazione che non sarebbe applicabile invece per i calciatori del settore giovanile. Soltanto in Italia, oltre alla Juve anche Atalanta e Udinese sono finite nel mirino per l'eccessiva "disinvoltura" nelle gestioni dei prestiti, mentre il Chelsea, con 40 giocatori trasferiti per oltre 200 milioni, e il Monaco sono le società che secondo Uefa e Fifa hanno agito con maggiore libertà.