Commenta per primo

Mentre per Juan Manuel Vargas la Juventus rimane fredda, visto che considera il peruviano non affidabile dal punto di vista fisico (e soprattutto dal punto di vista tattico), confidando eventualmente di tornare sull'ex Catania solo negli ultimi giorni di mercato, nelle ore immediatamente vicine al Ferragosto è avvenuto un nuovo contatto fra il procuratore di Alessio Cerci ed i dirigenti bianconeri. Il laterale romano, che ha avanzato una richiesta d'ingaggio ritenuta esagerata per il City - dopo che Roberto Mancini e Sinisa Mihajlovic avevano di fatto chiuso la cessione, con tanto di plusvalenza per i viola -, rimane nel mirino di Antonio Conte, che considera Cerci un ottimo elemento, in grado esprimersi al meglio nello schema base del tecnico juventino, il 4-2-4, con laterali di centrocampo molto offensivi.

La società bianconera però vorrebbe portare Cerci a Torino semplicemente con la formula del prestito, e su queste basi Pantaleo Corvino non ha neanche iniziato a trattare con la Juventus.