Commenta per primo
Andrea Della Valle, presidente della Fiorentina, ha fatto il bilancio del 2014 al termine del pareggio nel derby contro l’Empoli: "Questa è stata la fotocopia di tante altre partite: non la chiudi e poi paghi. Prendiamo il bicchiere mezzo pieno, perché non è cambiato niente in chiave classifica. Si sono fermate tutte quelle davanti a noi. E’ un peccato, perché in casa non riusciamo più a vincere e dobbiamo cambiare passo. Peccato anche per Gomez, tra palo e sfortuna non riesce a segnare. Gli ho detto che nel 2014 ha già dato, si riprenderà tutto con l’anno nuovo. Complimenti anche all’Empoli, una squadra ben messa in campo. Il mercato? A gennaio lavoreranno bene i nostri due direttori, fanno questo lavoro. Dobbiamo sfoltire la rosa prima, 34 giocatori non li abbiamo mai avuti nella nostra gestione. È un problema anche a livello di costi e di bilancio. L’ennesimo ritocco poi lo abbiamo fatto oggi, decine di milioni di euro che devo mettere dentro. Lavoriamo prima in uscita, poi qualcosa possiamo fare anche in entrata. Ma sapete quanto è dura fare mercato a gennaio. Il rinnovo di Neto? È sfuggente, mi auguro che non ci abbandoni ma non la vedo così bene… Oggi non l’ho visto bene, conoscendo il ragazzo c’è qualcosa che non va in lui. Spero di sbagliarmi, ma sarebbe la più grande delusione per me, perché ci ho messo la faccia io difendendolo di fronte a tutto un popolo che lo criticava”.