Calciomercato.com

Fiorentina, L'ex Mareggini: 'Io mi tengo Viviano'

Fiorentina, L'ex Mareggini: 'Io mi tengo Viviano'

  • L.C.

Con lo sguardo rivolto al futuro. La Fiorentina si qualifica finalmente in Europa e adesso può già pensare a come organizzare la squadra della prossima stagione che, a differenza di quella di quest'anno dovrà muoversi non piu' su due, bensi su tre binari. Per approfondire la stagione dei portieri della Fiorentina il settimanale il Brivido sportivo ha voluto interpellare l'ex portiere della squadra viola Gianmatteo Mareggini.
Mareggini iniziato dalla stagione complessiva dei portieri della Fiorentina: come è stata?
'Premetto subito che secondo me non è corretto analizzare il solo reparto dei portier, scindendo lo stretto legame che c'è con la difesa: non è facile capire infatti fino a dove arrivano i meriti o i demeriti dei portieri. Detto questo, credo che nel complesso sia stata una stagione positiva, perchè se la Fiorentina è riuscita a tornare in Europa vuol dire che tutte le componenti hanno lavorato a dovere e che anche i portieri hanno fatto la loro parte'.
Partiamo con Viviano: come giudica il suo campionato?
'La stagione di Emiliano è stata sufficiente, non mi sbilancerei piu' di tanto. Si vede che Viviano è un portiere che ha delle grandi potenzialità ma a Firenze in questa stagione non mi ha fatto impazzire. E'vero che ha fatto alcuni errori gravi, come nel caso della partita con la Roma all'Olimpico, ma alle sue disattenzioni vanno sommati anche alcuni interventi importanti. Credo che se resterà alla Fiorentina, potrà fare meglio e contribuire alla crescita della squadra'.
Il riscatto per lui è fissato a 7,5 milioni di euro: lei li spenderebbe?
'Non entro nei discorsi economici perchè spettano alla Fiorentina: mi limito però soltanto a sottolineare che sotto l'aspetto tecnico non ci sono a giro tanti portieri come Viviano, almeno in Italia, e se dovessi spendere una grossa cifra per un nuovo portiere che però è ancora un'incognita per il nostro campionato, mi terrei senza dubbio Viviano'.
Si passa poi a Neto che ha avuto pochissimo spazio.
'E proprio per questo non è giudicabile: i portieri infatti possono essere analizzati solo se impiegati con continuità. Entrare a freddo e giocare non è mai facile e le prestazioni possono essere condizionate. Neto è molto giovane, ha potenzialità inespresse, ma per quelo poco che si è visto non è possibile esprimere un giudizio'. ('Il Brivido sportivo')

Altre notizie