Commenta per primo
L'amministratore delegato della Fiorentina Sandro Mencucci ieri sera ha rilasciato una lunga intervista a Italia 7 nel corso della trasmissione 'Salotto Viola'. 'Lo stadio in zona Mercafir? Speriamo si faccia, sarebbe una cosa bellissima per la società, per i tifosi e per i cittadini in termini di effetti economici - ha spiegato il dirigente gigliato -. Le dichiarazioni di intento ci sono, e questo ci fa ben sperare; sul tavolo ci sono delle possibili proposte, ma non dobbiamo spingere più di tanto, perché l'iter è più lungo di quanto si possa pensare. La finale di Coppa Italia del 3 maggio? Credo che porteremo 30mila persone allo stadio Olimpico, anche se da Lottomatica mi hanno detto che i napoletani sono partiti più veloci di noi... E' una finale alla nostra portata, non mi sento da meno del Napoli, avremo uno spettacolo incredibile. Gomez e Rossi titolari per l'occasione? Mi allineo alla prudenza di Montella, nonostante il grande lavoro che stanno facendo: la loro presenza sarebbe importante. La nostra rosa è comunque competitiva; un rimpianto c'è per non averli avuti, ma diciamo grazie al gruppo che ci ha portato ad ottenere questi traguardi. Domenica contro il Verona di Luca Toni? Sapete l'affetto che lega la Fiorentina a lui: è stato un giocatore straordinario e in generale ha avuto un atteggiamento sempre positivo con noi. Ricordo quando ricevette un'offerta importante e decise di restare, nell'estate della penalizzazione... Ma in una Fiorentina che partiva con Gomez e Rossi sulla carta aveva meno opportunità di giocare, e da terzo o quarto attaccante avrebbe avuto minor rendimento. Il CdA? Questa è una società in continua evoluzione, se ci saranno nuove figure sarà per migliorare la nostra struttura'.
Mencucci ha parlato anche della finale di ritorno della Coppa italia Primavera, in programma oggi contro la Lazio: 'Partiamo svantaggiati dal risultato dell'andata, ma il Franchi ci aiuterà. E' una squadra, la nostra, che gioca sotto età rispetto ad altri, ed è formata da molti toscani, quasi tutti italiani e pochi stranieri. I biglietti a uno e due euro? Un prezzo simbolico, fosse stato per noi li avremmo fatti gratis. Domani andranno in campo i migliori, ma voglio spezzare una lancia per tutti i ragazzi: hanno un gioco che assomiglia a quello della prima squadra, per questo faccio i complimenti a tutto lo staff. Bernardeschi? Spero che presto possa essere già nell'orbita della prima squadra: Montella lo valuterà in ritiro. Anche Acosty mi piace molto. Investimenti nel settore giovanile? Il nostro obiettivo non è vincere le partite, ma è far maturare i ragazzi a 360°. Collaborazione con altre squadre? E' un'ipotesi credibile, di più rispetto alle seconde squadre: ci stiamo lavorando. Una casa per il settore giovanile? E' un po' difficile: in Usa sono molto più avanti, noi ci alleniamo su diversi campi'.