46

Sono stati confermati i Daspo nei confronti delle persone che avevano ricevuto tale sanzione dopo i fatti andati in scena nel corso di Fiorentina – Milan, dell'ultimo campionato di serie A, e che avevano portato come conseguenza all'abbandono della tribuna autorità dell'amministratore delegato rossonero Adriano Galliani. La documentazione depositata dalla questura di Firenze nelle ultime ore evidenzia, spiega il Tar toscano, come 'nel corso dell’episodio del 7 aprile scorso 2013, il Colzi abbia indubbiamente ‘incitato, inneggiato o indotto alla violenza’ e con tale comportamento abbia determinato comportamenti di maggiore gravità. Con tutta evidenza, si tratta, quindi, di un comportamento assolutamente sintomatico di una pericolosità specifica'. Così Fabio Colzi, tifoso viola che si era ‘leggermente adombrato’ per il comportamento dell’amministratore delegato rossonero del Milan Adriano Galliani in occasione della partita al Franchi tra Fiorentina e Milan, si è trovato rigettato il ricorso contro l’anno di daspo subito ed in più è stato condannato a duemila euro a titolo di spese del giudizio. Per un anno dunque per lui niente stadio. Simone Vivarelli, difeso dall’avvocato Simone Nocentini, ha subito la stessa sorte per una condanna peggiore: in particolare, scrive il Tar: 'il ricorrente è stato identificato per il tifoso che alla vista del dottor Galliani, vice presidente del club rossonero, inveiva contro di lui e, nel tentativo di raggiungerlo, scavalcava repentinamente la balaustra che separa la tribuna centrale al palchetto Autorità dello stadio 'Franchi' di Firenze'. Per Nocentini tre anni di Daspo, la denuncia e duemila euro di spese.