Commenta per primo

 

Uno è di Nicotera, l’altro di Locri. Calabresi entrambi, amici veri e non solo per le comuni origini. Così vicini, eppure destinati finora a marciare separati anche quando si sono ritrovati sotto una bandiera comune. Era capitato l’anno scorso al Genoa, dove Sergio Floccari e Giuseppe Sculli giocarono poco assieme a causa dell’infortunio del primo, poi a gennaio lo stesso Floccari passò alla Lazio e la coppia calabrese si separò, per riunirsi esattamente un anno dopo a Formello. Ma anche alla Lazio sembrava destinato a ripetersi quel sortilegio che li costringeva a vivere vite calcistiche parallele ma separate. Nel primo mese comune in biancoceleste, infatti, Floccari e Sculli hanno giocato assieme solo 40 minuti della gara di Bologna. Sculli si fece male subito e fu costretto ad uscire. Nella successiva gare contro la Fiorentina a farsi male fu invece Floccari nel finale( lo sostituì proprio Sculli) e da quel momento Sergio è uscito di scena.

INSIEME. La coppia si ricompone domani a Cagliari. Finalmente, penserà Edy Reja, che su quel tandem aveva deciso di puntare sin dal giorno dell’arrivo di Sculli alla Lazio. Adesso le cose sembrano tornare nel loro alveo naturale e la premiata ditta calabrese Sergio & Peppe può mettere le mani sulla Lazio. Entrambi hanno il loro limite in una media realizzativa non eccezionale considerando che sono degli attaccanti. Sculli ha fatto al massimo 8 gol in un campionato (col Modena nel 2002-03 e col Genoa nel 2008-09). Per Floccari il record stagionale è 12 (con l’Atalanta nel 2008-09 e con Genoa e Lazio l’anno scorso). Sculli è tra l’altro a caccia del primo gol in campionato, Floccari è invece alla ricerca di quel feeling con la porta avversaria che ha avuto da settembre a novembre, periodo nel quale ha messo a segno 5 reti. Da allora fino ad oggi, Sergio ha invece segnato un solo gol. Guarda caso proprio in quei 40 minuti giocati a Bologna in coppia con Sculli…