Commenta per primo
Bertolacci e Falque andranno alla Roma, Perotti lascerà Genova ma solo per un cifra superiore o uguale ai 10 milioni. I tre sacrifici annunciati da Preziosi sono vicini ad essere fatti. Porteranno in dote 26 milioni, la stessa cifra immessa da Preziosi nei giorni caldi e funesti della ricerca della Licenza Uefa. Il bilancio ora respira ed è una bella novità perché nel caso in cui l’anno prossimo il Genoa dovesse essere di nuovo protagonista nella parte alta della classifica non si potranno ripetere gli errori di questo inizio d’estate.

Il Genoa perde tre pedine fondamentali ma ne riesce a trattenere una: Perin. In questo momento la squadra si è indebolita molto ma le trattative dureranno ancora per mesi. Non ci saranno spese follie perché i sacrifici sono stati fatti per risanare il club ma a Milanetto e compagni di dirigenza non servono poi così tanto i soldi. Lo hanno dimostrato proprio con Perotti e Iago Falque portati a Genova per soli 2 milioni di euro.
La forza delle idee è quella su cui ancora una volta il Genoa punta per dare a Gasperini una squadra competitiva. Tra queste idee c’è Carbonero che di talento ne ha e aspetta solo di farlo vedere a tutti. I colpi a parametro zero Gakpè e Lazovic potrebbero diventare nuove plus valenze mentre gli investimenti pesanti potrebbero arrivare per Pavoletti in attacco (servono quattro milioni) e per qualche sorpresa di Preziosi che di certo vorrà regalare alla piazza qualcosa di importante. Perché il bilancio è la cosa più importante ma la passione va alimentata soprattutto dopo la figuraccia sulla Licenza Uefa.