Commenta per primo
Sereno, nonostante l'eliminazione del suo Ghana e nonostante la polemica esplosa in mattinata sull'esclusione per motivi disciplinari di Boateng e Muntari, il ct Kwesi Appiah si è concesso in conferenza stampa per parlare della sconfitta contro il Portogallo: "La decisione di mandare a casa i due giocatori (Boateng e Muntari, ndr) è stata presa per motivi disciplinari. Non possiamo pensare al singolo giocatore, bensì dobbiamo considerare il bene della squadra. La decisione, in ogni caso, non è stata presa questa mattina prima della partita, ma è una scelta che abbiamo fatto ieri. Se si vuole costruire una squadra, si devono fare le cose correttamente. Non credo che questa scelta abbia avuto un impatto sul gioco. Abbiamo avuto alcune occasioni, ma non siamo riusciti a convertirle in gol. Volevamo fare la partita indipendentemente da ciò che sarebbe successo fra gli Stati Uniti e la Germania. Delusione? Sono sicuro che la gente del Ghana sia delusa, ma non credo che il Ghana sia stato deludente in questa Coppa del Mondo. Semplicemnte a volte non riesci ad avere alcuna possibilità. Rispetto al 2006 e il 2010, questa squadra è molto giovane. Io credo in loro, confido nel futuro e continuerò a fare il ct perchè ho un contratto che è in corso e lo rispetterò.