Calciomercato.com

  • Gravina: 'Il calciatore va tutelato, non è mezzo di produzione'

    Gravina: 'Il calciatore va tutelato, non è mezzo di produzione'

    Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, interviene in merito ai calendari e al numero di impegni in costante aumento per i calciatori professionisti: "Il calciatore è considerato non solo nelle sue fragilità umane, ma soprattutto come soggetto che richiede una centralità di rispetto nella sua dignità di uomo considerandolo meno come mezzo di produzione e più come uno dei protagonisti fondamentali all'interno di un percorso progettuale che merita la massima garanzia e tutela".

    Gravina aggiunge, parlando durante l'evento "Sport Human Factor - L'incidenza del fattore umano": "Credo che l'avvio di un percorso di sensibilizzazione renderà ciascuno di noi maggiormente responsabile illuminando anche coloro che sono particolarmente impegnati nel predisporre nelle condizioni globali i calendari non solo quelli nazionali ma anche internazionali".

    E infine: "E' importante aver avviato un approfondimento su un tema particolarmente delicato. Oggi quello che si richiede come elemento centrale dell'attività di un'azienda atipica come il calcio è quella di cercare di focalizzare l'attenzione non solo sugli indicatori di performance ma anche sulle valutazioni che pongano al centro l'interesse dell'uomo in quanto tale. Credo che oggi si passi all'esaltazione di una sensibilità diversa che è la cura intesa come capacità di sviluppare e prendersi cura del capitale umano facendo sì che ci sia la massima garanzia di sicurezza e tutela della salute, oltre che riposizionare in modo più corretto una degli elementi dell'azienda come il calciatore".

    Commenti

    (2)

    Scrivi il tuo commento

    Lastpoison
    Lastpoison

    sciocchezze, le squadre hanno le giovanili, se uno é stanco giocherà un giovane o un panchinaro

    • 0
    • 0

    Altre Notizie