17
Talento puro, con uno sponsor speciale. Si chiama Jadon Sancho l'ultimo gioiello del Manchester City, il futuro del club degli sceicchi e della nazionale di Sua Maestà. Classe 2000, trequartista in grado di giocare da esterno d'attacco, nell'ultimo anno ha impressionato con l'under 17 inglese, che ha trascinato alla fase finale dell'Europeo di categoria, e con la maglia delle giovanili dei Citizens, tanto da meritarsi la chiamata di Guardiola. Pep è rimasto impressionato dalle sue qualità, l'ha portato ad allenarsi in prima squadra e medita di aggregarlo, per valutarlo, al gruppo che prenderà parte alla tournée negli Stati Uniti (già definite le sfide contro Manchester United, Real Madrid e Tottenham). Di Sancho, che in patria paragonano a Ronaldinho e a Neymar, ha parlato con grande entusiasmo con il club, al quale ha chiesto di blindarlo.



FOLLIE ARSENAL - Serve un segnale forte, perchè nonostante un contratto in scadenza nel 2020 il ragazzo da nato da genitori di origini di Trinidad e Tobago medita l'addio. L'Arsenal, che l'ha fatto seguire tutta la stagione dal capo scout Steve Rowley, gli ha offerto un contratto economicamente vantaggioso oltre che la possibilità di confrontarsi con Ozil e compagni. Sancho ci sta pensando, stuzzicato anche dalla possibilità di avvicinarsi alla famiglia e di tornare nella tanto amata Londra, dove è cresciuto. Dove è esploso, con il Watford. Gli Hornets sono stati la sua seconda casa fino al 2015, quando per 500 mila sterline ha preso la via di Manchester. Due anni dopo potrebbe salutare l'Etihad Campus, prima però c'è un Europeo da vincere.