264
Achraf Hakimi ha scelto l'Inter. Lo ha fatto con forza al punto da chiedere la cessione al Real Madrid che lo avrebbe tenuto volentieri: nessuna intenzione di fare la riserva di Carvajal né di altri terzini nei vari top club europei, il Manchester City lo aveva cercato ma la presenza di Walker (e Cancelo) ha frenato il marocchino. Voglia di giocare e di progetti ambiziosi, l'Inter è in chiusura per 40 milioni più bonus da sistemare col Real in queste ore; la trattativa è alla fase finale, si sta proprio discutendo degli obiettivi a cui legare questi 4/5 milioni di bonus poi sarà tutto completato. 

Ascolta "Hakimi all'Inter" su Spreaker.
LA CLAUSOLA E NON SOLO - Nell'accordo tra Inter e Real Madrid per il laterale marocchino non c'è alcuna clausola di 'recompra', dunque di riacquisto in favore del club del presidente Florentino Perez con cui i rapporti sono buonissimi. L'Inter prenderà Hakimi a titolo definitivo e senza diritti di cessione preferenziali, un colpo voluto fortemente da Antonio Conte che lo ha sponsorizzato in prima persona: 5 milioni all'anno garantiti al terzino destro che arriverà presto. Ma perché il Real Madrid lo vende? Hakimi ha chiesto personalmente la cessione in modo perentorio e forte, il club non avrebbe voluto privarsene soprattutto per il futuro. Ma c'è anche il tema economico: con il marocchino il Real fa cassa e libera uno dei tanti, troppi giocatori di proprietà da prima squadra, oltre 35 che avrebbero fatto rientro a Madrid con poco spazio e in un ruolo già occupato. L'Inter sorride: si è mossa prima e bene, al segnale giusto da Hakimi si è scatenata fino al traguardo.