Lavori in corso. Come vi abbiamo raccontato in queste settimane, il Milan sta lavorando per Zlatan Ibrahimovic da diverso tempo. E non ci sono problematiche economiche particolari, l'operazione è sostenibile per l'ingaggio dello svedese non più mostruoso ma accessibile (attorno ai 4 milioni totali), il Milan è tranquillo sotto questo aspetto anche per il Fair Play Finanziario. Insomma, il ritorno di Zlatan in rossonero è possibile dopo averlo già sfiorato in estate, prima del blitz per Gonzalo Higuain. Ma come procedono le cose negli ultimi giorni?

APPROVAZIONI E TEMPISTICHE - Non solo la dirigenza del Milan e Rino Gattuso; anche da parte di Elliott è arrivata la totale approvazione all'affare Ibrahimovic.
Si può andare avanti con convinzione e fiducia, a patto che le condizioni non diventino eccessive sotto tutti gli aspetti, anche quello che riguarda Mino Raiola. Tutto il Milan è determinato e convinto sullo svedese, ma il timore di Leonardo sono i rumors continui su un'operazione ancora non completata perché la decisione è tutta di Ibrahimovic. Leo conosce bene Zlatan da anni, sa come la sua volontà in questo caso venga prima di tutto, non esclude che possa scegliere per una meta diversa in vista della chiusura della sua carriera, per questo vuole meno pressione possibile su questo affare e preferisce lasciare il tempo a Ibra per decidere. Lo svedese è affascinato dal ritorno e legatissimo al Milan, sa che può essere una soluzione perfetta ma non prenderà decisioni definitive prima di inizio dicembre. Quando si entrerà davvero nel vivo, perché ad oggi Ibrahimovic è un pensiero stupendo rossonero sempre più forte ma ancora da costruire, palla a Zlatan dunque; che è sempre una buona idea.