Che fine ha fatto il talento, le geometrie, la cattiveria agonistica che hanno fatto in di Julian Weigl uno dei migliori talenti del calcio tedesco e della Bundesliga in giovanissima età? In tanti in Germania se lo stanno chiedendo perché il centrocampista classe '95 cresciuto nel Monaco 1860 e arrivato al Borussia Dortmund nel lontano 2015 in questo inizio di stagione ha visto il campo con il contagocce. L'arrivo di Lucien Favre sulla panchina giallonera, ma soprattutto la folta concorrenza nel ruolo, lo hanno relegato a un ruolo di comprimario con solo due presenze da titolare in campionato e una gara in cui, addirittura, è stato spedito insieme alla seconda squadra.

SI' AL PRESTITO - Weigl è ovviamente scontento e a gennaio ha chiesto al Borussia Dortmund di poter trovare spazio in una realtà che possa dargli più spazio e soprattutto continuità. La dirigenza giallonera ha preso a lungo tempo ma ora, secondo quanto riportato dalla Bild, è arrivata l'apertura non alla cessione a titolo definitivo (perchè non c'è la volontà di perdere completamente il giocatore) ma al prestito.
LA ROMA CI PROVA, IL MILAN... - In Serie A sono due i club che oggi stanno cercando sul mercato un rinforzo con le sue qualità. Una su tutte è la Roma, con il direttore sportivo Monchi che ha già allacciato i contatti sia con il suo entourage che con il Borussia Dortmund. L'altra, invece, è il Milan che soltanto un anno fa ha provato con forza l'assalto a Weigl, autentico pupillo del direttore sportivo Massimiliano Mirabelli. Ad oggi il club rossonero sta concentrando tutti i suoi sforzi su Cesc Fabregas che è l'obiettivo principale in vista di gennaio. Non è detto che, in caso di difficoltà con il Chelsea, il nome di Weigl, in prestito secco, possa tornare a circolare sulla scrivania di Leonardo.