130
"Che confusione", cantavano i Ricchi e Poveri. Non siamo sicuri che a Manchester, sponda United, conoscano uno dei gruppi più famosi della musica italiana. Quel che è certo è che, tra campo e mercato, la nuova stagione dei Red Devils sembra sempre più simile alle case degli accumulatori seriali: costipata e priva di raziocinio. Esordio da dimenticare per gli uomini di Erik Ten Hag, reduci dal 4-0 subito a Brentford e dalla querelle Ronaldo. Ma per quanto riguarda le trattative, le cose non sembrano andare molto meglio, anche se uno spiraglio di luce si può intravedere in fondo al tunnel.

DA RABIOT A CASEMIRO: IL DS A MADRID - Nonostante infatti sia saltata l'operazione che portava al centrocampista Adrien Rabiot, per la quale certamente i tifosi non si stanno disperando, con le trattative con la Juventus e con l'entourage del giocatore che si sono interrotte causa eccessive richieste su ingaggio e commissioni, ora la dirigenza dei Red Devils ha deciso di puntare forte su Casemiro del Real Madrid. Incredibile pensare che possa essere un ripiego del francese, il che non fa altro che testimoniare il caos che aleggia nelle menti degli uomini della società, ma sta di fatto che il ds del club britannico è stato a Madrid per parlare direttamente in città del possibile passaggio del brasiliano a Old Trafford, con un maxi investimento da oltre 70 milioni di euro pronto a essere effettuato e il classe 1992 che starebbe riflettendo.
NEVILLE E IL PROBLEMA DEI GLAZER, IL NO PER FELIX E I 'VICINI RUMOROSI' - Gli euro, o le sterline, non sono mai stati un problema per il club di proprietà dei Glazer. Il problema è come vengono spesi, dato evidenziato anche dalla vecchia bandiera Gary Neville: "Incredibile aver sborsato un miliardo di euro per essere così scarsi". United che era pronto a mettere sul piatto anche 130 milioni per arrivare a Joao Felix, nella stessa gita a Madrid: no secco dell'Atletico, almeno per ora. O 60 per Cody Gakpo, classe 1999 del PSV. Insomma, qualsiasi cosa, purché sia strapagata: d'altronde il capitano, Harry Maguire, è il massimo emblema di questa politica. 80 milioni per non saper difendere, o farlo male. Tempi duri, per quelli che sono diventati "i vicini rumorosi"

@AleDigio89