150
Mario Mandzukic è un nuovo giocatore del Milan. L'ex Juve, che era svincolato dopo l'esperienza all'Al Duahil, non scende in campo da 10 mesi e, in questo periodo, si è allenato con Luka Milanovic, personal trainer e professore associato di kinesologia all'Università di Zagabria, che parla del nuovo 9 rossonero a Tuttosport: "Ci siamo trovati tutti i giorni per implementare forza e resistenza con esercizi personalizzati e un programma apposito creato per lui. Ma abbiamo anche lavorato sul campo. E' stato facile, grazie alla sua risolutezza tutto è risultato più semplice. Parliamo di un attaccante che vuole competere al top. Aiutare la sua squadra a vincere le partite. E non ho dubbi che farà di tutto per ottenere il suo obiettivo". 

LA COLLABORAZIONE - "Mario mi ha chiamato 5 mesi fa per iniziare insieme questo intenso periodo di preparazione individuale. La storia personale è estremamente importante quando si tratta di lavoro specifico, serve per incamerare dati per il fitness. Conoscerlo già di persona è stato rilevante per creare un programma di successo". 

GLI ALLENAMENTI - "Ci siamo concentrati su diversi segmenti della condizione fisica. Composizione corporea, forza, velocità, agilità e resistenza. Mario ha un ottimo livello di base di qualità fisiche. Con un'incredibile determinazione e concentrazione, il che ha reso più semplice il mio lavoro. Il programma è stato creato su misura per soddisfare perfettamente le sue esigenze. Ciò significa esercizi specifici. Ma anche carichi, ripetizioni, serie, velocità e frequenza in determinate sedute. Abbiamo dedicato molto tempo agli intervalli delle diverse varianti di allenamento per essere pronti all'agonismo di un club". 
LE CONDIZIONI  - "Ora Mario ha un alto livello di forza e resistenza. E' pronto per un allenamento completo con il gruppo. Proprio in virtù delle ultime e specifiche sessioni individuali improntate sul calcio". 

QUANTO SERVE PER VEDERLO AL TOP - "Qualcosina gli servirà per adattarsi, è del tutto normale. Ma conoscendo la sua competitività, sarà meno di quello che servirebbe normalmente. Lavoro nel mondo dello sporto da un ventennio. Con calciatori, ma anche con giocatori di basket e di altre discipline. Le garantisco che Mario si colloca almeno nella top 3 di tutti gli atletici con cui ho avuto il piacere di collaborare. Mi aspetto che sia al 100% in due o tre settimane". 

IL MILAN - "Lo ha scelto per competere al top. Vuole mostrare le sue qualità e aiutare la squadra a vincere. Ogni secondo che trascorre in campo dà il massimo: il 100% di intensità e concentrazione. Vale per partita e allenamento. Vive per questi momenti. La 9? Non conosco la ragione di tale decisione. Ma le assicuro che Mandzukic non ha paura di nulla. Sa quello che vuole e come ottenerlo".