15
Uno è un '97, ha vinto una Serie B da protagonista assoluto con la Spal e in bacheca ha una Coppa Italia, alzata al cielo contro la Juventus, in una competizione dove è sceso in campo solo in finale. Uno è un '99, ha la maglia da titolare della Nazionale indosso, col Milan è a quota 214 presenze in tutte le competizioni e ha una Supercoppa italiana nel palmarès, vinta, anche lui, contro la Vecchia Signora. Alex Meret e Gianluigi Donnarumma sono il futuro della porta, i predestinati a difesa dei pali, che vivono, però, momenti opposti tra Napoli e Milan

PIU' SPAZIO - Il prodotto del settore giovanile dell'Udinese non riesce a trovare continuità con Gattuso, lui che, due estati fa, era stato pagato 30 milioni di euro. Il ballottaggio con Ospina è continuo (stasera, però, dovrebbe giocare il friulano), in campionato ha collezionato solamente 2 presenze, come in Europa League, dove però ha saltato la trasferta, importante, contro la Real Sociedad. Uno spazio che gli sta stretto, tanto che i rumors di mercato intorno al giovane Alex continuano a esserci: tra chi lo vede come erede di Handanovic, tra chi a imbastire uno scambio (vedi il Torino), tra chi lo cerca ma si deve scontrare con la valutazione da 50 milioni di euro che ne fa De Laurentiis. Insomma, un predestinato che deve ancora prendersi il futuro: paradossale. Ma è così. 
GIGIO RITORNA AL SAN PAOLO - L'altro predestinato, intoccabile in casa Milan, non è mai stato messo in discussione, e ha anche giocato con la fascia da capitano al braccio in assenza di Romagnoli. Il '99, cresciuto coi rossoneri, continua a migliorare di partita in partita, e ora si troverà in uno stadio dove l'ultima volta ha faticato tanto, tantissimo, con due errori che hanno condizionato una gara terminata, poi, 2-2. Se sul campo, comunque, si sta confermando una certezza in rossonero come in Azzurro, in queste settimane sarà protagonista anche fuori dal rettangolo di gioco, con una trattativa per il rinnovo di contratto che va avanti. Raiola e Maldini continuano a parlare, trattare, con assoluta chiarezza e parecchio ottimismo, tanto che non ci sarà una telenovela come in passato: c'è fiducia, in casa Milan. La stessa che c'è in Donnarumma. La stessa che cerca, a Napoli, Meret. 

@AngeTaglieri88