72
Alla ricerca del gol perduto. Nonostante le parole di Luciano Spalletti, che ha dichiarato di essere soddisfatto per il suo spirito di sacrifico e per la sua generosità in campo, Antonio Candreva non sta vivendo una stagione esaltante. A pesare è quello zero nella casella di reti segnate, un novità per uno come lui, abituato a dare il proprio apporto alla squadra anche in fase realizzativa. Alle porte la sfida contro la Juventus, squadra in cui l'esterno romano ha militato nella seconda metà della stagione 2009/2010, senza però riuscire a meritarsi la conferma. L'occasione giusta per Candreva per tornare al gol e riprendersi l'Inter. Titolare inamovibile a inizio stagione, l'ex Lazio è sceso nelle gerarchie di Spalletti e rischia di non esserci nell'undici di partenza nel big match di sabato sera.

INSIDIA KARAMOH - Spalletti sta pensando di confermare Karamoh e giocarsi la carta Candreva a gara in corso. Il tecnico toscano potrebbe sorprende tutti, potrebbe come accaduto il 16 dicembre 2016, quando ai tempi della Roma lanciò Gerson dal primo minuto allo Juventus Stadium nella delicata sfida scudetto. Si tratterebbe della quarta panchina di fila per Candreva: in panchina per tutto il match contro l'Atalanta dopo i problemi fisici rimediati a Torino, è subentrato nelle sfide contro Cagliari e Chievo collezionando appena 15 minuti totali. Un periodo no che l'esterno nerazzurro vuole mettersi alle spalle per guidare l'Inter nella corsa a un posto nella prossima Champions League.

FUTURO - L'Inter e Federico Pastorello, agente di Candreva, stanno trattando da tempo il rinnovo dell'ala ex Lazio, in scadenza a giugno 2020. Il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio ha dichiarato prima della partita contro il Cagliari che i rinnovi saranno discussi a fine stagione, glissando sul futuro del numero 87. Le parti cercano l'intesa, ma il rinnovo ora non è una priorità in casa nerazzurra.

@AleDeFelice24