362
Da Antonio Conte a Simone Inzaghi. Un filo nerazzurro lega le giornate di Thomas Tuchel, manager del Chelsea, che dopo aver duellato con l'ex allenatore interista durante il derby con il Tottenham ora si prepara ad assaltare in chiave mercato l'attuale tecnico dell'Inter. I prossimi giorni infatti dovrebbero vedere un rilancio dei Blues per due obiettivi di mercato di stanza ad Appiano Gentile. 

SI PARTE CON CASADEI - Si inizia con Cesare Casadei, talento classe 2003 per il quale i londinesi hanno tutta l’intenzione di rilanciare rispetto all’ultima offerta da 8 milioni di euro più bonus. La speranza dell'Inter è che il Chelsea arrivi a 15 milioni totali, fra parte fissa e bonus, e in quel caso l'affare si chiuderebbe al 100%.
E POI DUMFRIES - Il capitolo più doloroso, per Inzaghi, è ovviamente quello rappresentato da Denzel Dumfries, eroe di Lecce e altro obiettivo del Chelsea. Inzaghi ha messo le cose in chiaro, sia alla vigilia che nel post partita della prima di campionato ("La squadra è questa, il mercato in uscita è chiuso"), ma fra le due dichiarazioni del tecnico è arrivata anche la frase dell'ad Beppe Marotta, a raffreddare le certezze dell'allenatore piacentino: "Le parole di Inzaghi sono comprensibili, ma noi abbiamo l'obbligo di garantire sia criteri di sostenibilità che una squadra competitiva". 

LA CIFRA GIUSTA - In altre parole: se arrivasse l'offerta giusta per Dumfries (o per Skriniar) una cessione non sarebbe affatto da escludere. E per quanto riguarda l'esterno olandese classe 1996, pagato lo scorso anno 12,5 milioni più 2,5 di bonus, un'offerta vicina ai 50 milioni da parte del Chelsea sarebbe probabilmente irrinunciabile da parte della proprietà dell'Inter.