Calciomercato.com

  • Inter in difesa, e ora? Quattro obiettivi e una priorità per il dopo Skriniar

    Inter in difesa, e ora? Quattro obiettivi e una priorità per il dopo Skriniar

    • Emanuele Tramacere
    Milan Skriniar è rimasto all'Inter e, fino a fine stagione e a detta di Marotta e Inzaghi, il club nerazzurro continuerà a schierarlo anche se sarà privato della fascia da capitano. L'addio è annunciato e a giugno la separazione sarà ufficiale con il club nerazzurro che, dopo essersi mosso in extremis per provare a cederlo e sostituirlo, ora guarda al futuro e alla prossima estate con tre obiettivi e una priorità ben delineate.

    PALLA AGLI AGENTI - La priorità, dopo aver perso Skriniar, è quella di definire chi degli altri difensori presenti in rosa farà parte del gruppo a fine stagione. La presenza a Milano di Federico Pastorello, ieri era all'hotel del mercato, è fondamentale e significativa per i prossimi giorni. L'agente è infatti il procuratore sia di Francesco Acerbi che di Stefan De Vrij. Il primo è in prestito con diritto di riscatto dalla Lazio per 4 milioni che sono già stati considerati troppi per le povere casse nerazzurre. Il secondo è, al pari di Skriniar, in scadenza di contratto a fine anno, ma non ha un mercato così vivo attorno a sé e potrebbe anche decidere di rinnovare. Chi è fondamentale blindare, perché anche lui in scadenza, è invece Matteo Darmian, autentico jolly che condivide l'agente, Tullio Tinti, con Alessandro Bastoni (lui in scadenza 2024) e per cui la trattativa è in fase avanzata.

    TRE OBIETTIVI - Demiral è stato il nome più caldo degli ultimi giorni di mercato, ma l'Atalanta non ha mai aperto a possibilità diverse da una cessione a titolo definitivo da non meno di 20/25 milioni e quindi non rientrerà più fra gli obiettivi primari come invece potrebbe essere Giorgio Scalvini, valutazione più alta, ma molto più futuribile. Discorso diverso per Pavard, jolly alla Darmian e in scadenza 30 giugno 2024 con il Bayern Monaco che gli ha piazzato davanti anche Cancelo e ha già annunciato che non rinnoverà. Scadenza 2024 anche per Djalò del Lille che piace da tempo ed è transitato in Italia con la maglia del Milan Primavera. Infine rimane Smalling, che non ha rinnovato con la Roma e che gradirebbe l'ipotesi nerazzurra, ma soltanto in Champions League.

    Altre Notizie