7
L'Inter torna agli ottavi di Champions League dopo dieci anni, dopo la vittoria contro lo Shakhtar Donetsk il tecnico nerazzurro Simone Inzaghi commenta a Sky Sport: "L'esultanza plateale al primo gol di Dzeko? E' stata una liberazione dopo aver creato tanto... Arrivare agli ottavi sarebbe un grande traguardo, lo dissi il giorno della presentazione. Il giorno che firmai il contratto dissi che c'era questo obiettivo, l'Inter non passav il turno da più di dieci anni: ora aspettiamo, ma abbiamo 10 punti e veniamo da tre vittorie di fila, abbiamo vinto tre giorni dopo una gara come quella con il Napoli che ci ha fatto spendere tanto".

L'INTER PUO' ARRIVARE IN FONDO IN ITALIA E IN EUROPA? - "Siamo in un buon momento, ma dobbiamo pensare alle partite, le insidie sono tante e dietro l'angolo, la strada che dobbiamo fare è lunga ma è chiaro che volevamo questa vittori a tutti i costi".

CAMBIATO RISPETTO ALLA LAZIO - "Dipende anche dalle caratteristiche dei giocatori. Anche alla Lazio abbiamo giocato benissimo, ma avendo giocatori con determinate caratteristiche ho provato a trasmettere certe idee. I ragazzi mi seguono, sono straordinari in questo. Abbiamo il migliore attacco in Serie A, ma siamo indietro di qualche punto che vogliamo riprenderci".
PERISIC - "Sta facendo benissimo Ivan, l'ho affrontato per quattro anni di fila ed era sempre un problema. Appena sono arrivato ho pensato subito potesse essere una risorsa, per noi è un valore aggiunto. Facendo il quinto lo faccio riposare, lui vorrebbe giocare sempre, ma deve continuare a lavorare così".

RINNOVO PERISIC - In conferenza stampa, Inzaghi ha parlato anche della situazione contrattuale di Ivan Perisic, in scadenza al termine della stagione: "Se parlerò con la società per il suo rinnovo? Ho una grande società alle spalle che sa quali sono i miei pensieri. Sta facendo cose straordinarie, da avversario mi ha sempre creato problemi e l'ho sempre allenato. E' una grande risorsa che ci sta aiutando, la società sa come la penso. E' un grandissimo giocatore e deve continuare così, al resto penserà la società".