In attesa di sfidarsi sul campo in occasione del derby d'Italia sabato sera a San Siro, Inter e Juventus duellano anche sul mercato dei terzini. I nerazzurri si sono accordati col ghanese Kwadwo Asamoah, 30 anni il prossimo 9 dicembre e in scadenza di contratto a giugno con i bianconeri. Che a loro volta, in alternativa all'italiano Matteo Darmian del Manchester United, stanno pensando a Joao Cancelo, portoghese classe 1994 scuola Benfica nel caso in cui l'Inter non lo riscattasse a titolo definitivo dal Valencia. 

AFFARE O FOLLIA? - Oggi su Tuttosport torna a scrivere il direttore di Telelombardia e Antenna 3, Fabio Ravezzani, che fa il punto della situazione: "L'Inter può riscattare Cancelo dal Valencia a fine stagione per una cifra prestabilita di 38 milioni di euro. Al di là della congruità della valutazione, resta un problema squisitamente tecnico. Se è pur vero che l'Inter potrebbe arrivare al giocatore scontando il possibile riscatto di Kondogbia da parte del club spagnolo (25 milioni) e quindi mettendo la differenza di soli solo 13 milioni di euro, resta il fatto che il prezzo pagato a bilancio resterebbe di 38 milioni. Una cifra che verrebbe cassata dal financial fair play firmato con l'Uefa. Insomma, l'Inter per trattenere Cancelo dovrebbe impegnarsi in un'operazione che escluderebbe l'iscrizione del giocatore alla prossima competizione europea: Champions o Europa League che sia. Il che sarebbe una vera follia. L'unica alternativa potrebbe essere un prolungamento del prestito reciproco Kondogbia-Cancelo. Ma si tratta solo di un'ipotesi". 

PEGGIO DI CALABRIA E DE SCIGLIO - "Siamo così sicuri che Cancelo sia un fenomeno tale da giustificare un investimento da 38 milioni per l'Inter o (eventualmente) la Juve? Ho espresso forti dubbi in proposito, sollevando un acceso dibattito e un'onda fortissima di dissenso. Un po' seriamente, un po' per gioco, ho sostenuto che Cancelo è davvero un ottimo giocatore, ma non mi pare così devastante sulla fascia da essere pagato il triplo di De Sciglio o valutato enormemente più dello stesso Calabria. Tra una battuta, un'analisi e una piccola provocazione, ho chiesto aiuto a uno straordinario account Twitter che si chiama Pallottoledicalcio. L'analisi dei dati Opta relativi ai migliori esterni destri del campionato è stata addirittura sorprendente. Dalle statistiche emerge che il rendimento di Calabria è complessivamente superiore a Cancelo ma, udite udite, perfino De Sciglio è risultato leggermente migliore. In assoluto, poi, i più forti terzini del campionato sono stati di gran lunga Kolarov e Ghoulam. Gente che è costata a Roma e Napoli poco o nulla. E non dimenticherei De Silvestri, bravissimo anche in zona gol. Certo, le statistiche Opta non sono il vangelo del calcio, ma restano pur sempre le analisi più affidabili e oggettive sul reale rendimento di un calciatore. Insomma, la sfida nella sfida tra Juve e Inter dopo sabato potrebbe davvero essere sul nome di Cancelo: ottimo giocatore, senza dubbio. Degno di vestire entrambe le maglie per qualità tecniche, sì. Ma, a 38 milioni di euro, questa partita per una volta potrebbe vincerla chi la perde".