15

L'Inter di Roberto Mancini prende sempre più forma e si delina tatticamente su un 4-3-3 attualmente povero di molti interpreti. Se la carenza di esterni offensivi sta costringendo il tecnico dei nerazzurri ad adattare a turno Icardi, Hernanes, Kovacic e Palacio, lungo le corsie esterne difensive la situazione è tutt'altro che rosea.

IL VUOTO A DESTRA - Sulla corsia di destra, in particolare, l'emergenza sembra interminabile. Nagatomo è giunto al 4 infortunio consecutivo alla spalla ma non sarà operato, ancora una volta, per potergli consentire a gennaio di disputare con il suo Giappone la Coppa d'Asia. Jonathan, sparito dai radar per un problema muscolare alla coscia da inizio anno, ha il contratto in scadenza nel 2015 e non sarà rinnovato e anche Hugo Campagnaro, probabile titolare nella sfida contro la Roma di domani sera a fine stagione farà le valigie per lasciare Appiano Gentile.

UN BRASILIANO DI RUSSIA - Avversario della Roma in Champions League, dopo qualche difficoltà di ambientamento sta crescendo di rendimento con il CSKA Mosca il laterale brasiliano classe 1990 Mario Fernandes. 1 metro e 85 centimetri è cresciuto nel Sao Caetano, e si è messo in luce nel Gremio prima di accettare l'offerta russa del CSKA. In stagione ha già collezionato 16 presenze condite da 5 assist fra Campionato e Champions League. Molto abile in fase di spinta fisicamente riesce ad essere importante anche in fase di contenimento. L'Inter, dopo averlo fatto seguire ai tempi del Gremio è tornato a visionarlo da vicino e, complice la vicinanza con l'agenzia di procuratori Rogon (contattata più volte nel corso dell'estate) che detiene i diritti sul suo cartellino, può presto presentare un'offerta concreta al club msocovita. Il contratto in scadenza nel 2019 è un ostacolo importante da superare, ma il valore di mercato non superiore ai 10 milioni di euro rappresenta un'occasione invitante per un giocatore di soli 24 anni.