169
Obiettivi in campo e fuori. L'Inter, da qui fino alla fine della stagione (e oltre) lavorerà per raggiungerli: terzo posto per la banda di Roberto Mancini e riduzione del passivo in bilancio per Erick Thohir. Già, perché se la società nerazzurra non riuscirà a ridurre a 30 milioni l'esercizio 2015/16, arriverà una multa della UEFA di 7 milioni di euro. Dall'avvento del presidente indonesiano, l'Inter ha intrapreso un percorso con la UEFA per ridurre le perdite ed essere in regola con il tanto temuto Fair Play Finanziario.

COPPE NON A RISCHIO - In piena corsa per la qualificazione alla prossima Champions League, non è prevista nessuna esclusione dalle competizioni europee. Molti club, per non aver rispettato il Fair Play Finanziario, sono stati estromessi, come il Galatasaray, la Dinamo Mosca, il Malaga e la Stella Rossa di Belgrado. Non è il caso dell'Inter, che "rispettato gli obiettivi e gli impegni finanziari intermedi" e ha tempo sino al 2019 per raggiungere il pareggio di bilancio. Ma se non migliora (arrivare a -30, partendo da -140 non è facile), la multa è dietro l'angolo. Brozovic, Icardi, Perisic, Handanovic: verrà sacrificato qualcuno per raggiungere l'obiettivo?