Commenta per primo

Dopo la sconfitta riportata contro il Siena e le altre ultime prestazioni non brillanti, l’Inter deve necessariamente ritornare alla vittoria.

SCHEMA –L’Inter con la difesa a tre nasce proprio contro il Chievo, un girone fa, per dare solidità alla squadra. Il tridente, al contrario, è durato poco. Stramaccioni ha continuato a riproporre quella stessa squadra, con la linea a tre, ma è andata male. Le assenza di Milito e Samuel sono state troppo pesanti. L’arrivo di Kuzmanovic e Kovacic ha rivegliato la creatività del mister. Contro il Chievo si tornerà probabilmente alla difesa a quattro , in modo particolare quindi, alla trazione anteriore.

FORMAZIONE – A centrocampo spazio ai nuovi arrivati Kuzmanovic e Kovacic, insieme al veterano Cambiasso, favorito su Gargano. In attacco resta il dubbio Milito. Se il Principe fose in condizione Stramaccioni sarebbe tentato dall’idea tridente, pur sapendo che Cassano e Palacio sono due punte, sebbene diverse. Ecco quindi che l’allenatore potrebbe giocarsi la carta Alvarez, che potrebe così diventare fondamentale, come sottolinea La Gazzetta dello Sport nell'edizione odierna.

EQUILIBRIO – L'equilibrio dovrebbe essere garantito dal ritorno alla difesa a quattro perché Chivu è squalificato e Samuel è ancora out. Cambiasso centrale potrebbe subire la rapidità di due punte rapide come Thereau e Paloschi. “E se anche qualche equilibrio saltasse, in fondo Strama in aprile esordì battendoil Genoa 5-4...”, si legge sul quotidiano sportivo.