107
Un obiettivo concreto per il centrocampo. Tanguy Ndombele è la prima scelta dell'Inter, da giorni a caccia di una soluzione con il Tottenham che possa accontentare tutti. Il centrocampista classe 1996, arrivato la scorsa estate dal Lione e voluto fortemente da Pochettino, ha vissuto una stagione burrascosa con Mourinho, il quale ha fatto e comunicato al club la sua scelta: non rientra nei piani, può partire senza rimpianti. Un'ipotesi che al momento ha due ostacoli, l'ingaggio, di 200 mila sterline a settimana, ovvero 10,4 milioni all'anno (come Kane, per intenderci), e il costo del cartellino, almeno 60 milioni di euro. Tanti soldi per un ragazzo di grande talento, che a Londra ha recitato quasi il ruolo di comparsa. 

CONTROPARTITE - L'Inter conosce le difficoltà, ma non ha nessuna intenzione di gettare la spugna. Agli Spurs ha offerto i cartellini di Skriniar, passato in dodici mesi da titolare indiscusso a uomo mercato, e quello di Ivan Perisic, per il quale il Bayern Monaco non ha ancora esercitato il riscatto (le parti torneranno a parlarsi quando i tedeschi avranno terminato la stagione), con l'obiettivo di abbassare le pretese. Dal Tottenham è arrivata un'apertura, c'è margine per trattare, per arrivare a un accordo.
INGAGGIO - Sul fronte stipendio i problemi sono maggiori. E' vero che il Decreto Crescita, con una tassazione agevolata, corre in soccorso dei club italiani che vogliono portare in Italia i grandi calciatori che giocano all'estero, ma l'Inter a oggi non vuole garantire all'ex Lione un ingaggio da 6 milioni di euro. Chiede un sacrificio, una riduzione sensibile dello stipendio. Le parti continuano a trattare, Ndombele resta una prima scelta.