22
INTER

Handanovic 6:
Il tiro di Valoti è imprendibile e si spegne nell'angolino basso. Per il resto è sempre preciso nelle uscite e dà sicurezza al reparto. 

D’Ambrosio 6: Prima da terzo di difesa poi da quinto di centrocampo, sempre con intelligenza e applicazione.

de Vrij 6,5: Quante sportellate con Petagna, e ne esce sempre vincitore. Anche lui sorpreso dalla penetrazione di Valoti.

Skriniar 5,5: Accenna solamente l’intervento su Valoti che slalomeggia e arriva in area per battere Handanovic. L'unico errore della sua partita.

Candreva 6,5: Cross veloce e preciso per la testa di Lautaro che nel centro dell’area di rigore colpisce per il gol del 2-0.

(Dal 34’ s.t. Godin: s.v.)

Gagliardini 6,5: Ordinato, tenta molti inserimenti a fari spenti e costringe Murgia a seguirlo a uomo, lasciando così spesso a Lazaro l’uno contro uno sulla corsia di sinistra.

(Dal 34’ s.t. Borja Valero: s.v.)

Brozovic 7,5: In caparbio pressing su Valdifiori conquista palla e lancia Lautaro per il gol del vantaggio. Di destro impegna Berisha. Padrone assoluto del centrocampo.

Vecino 6: Arriva tardi di un centimetro all'appuntamento per il gol. Si perde Tomovic in area di rigore e rischia moltissimo, ma corre per due e al momento non sta facendo sentire l'assenza di Barella. 

Lazaro 6: Sulla corsia mancina parte con buona verve ma lentamente il suo rendimento cala. 

(Dal 30’ s.t. Biraghi: s.v.)

Lautaro 7,5: La storia non cambia, ancora un gol, sempre nei primi 20’ di gioco. Ma sa ripetersi anche al 41’ quando incorna di testa e spedisce il pallone alle palle di Berisha. Spreca un’incredibile occasione nella ripresa  a tu per tu con Berisha.

Lukaku 7: Non è straripante come lo era stato nella notte di Champions ma serve a Lautaro due assist fantastici che il compagno non sfrutta a dovere. Fa a sportellate per l'intero match, vince moltissimi duelli fisici e fa respirare la squadra. Enorme.

Conte 7: Stasera andrà a dormire da primo in classifica. Un miracolo considerando l'emergenza della rosa a sua disposizione.


SPAL

Berisha 6,5: Il diagonale di Lautaro non è forte ma è precisissimo e lui ha un po’ la visuale coperta da Igor. Non può nulla sul colpo di testa ravvicinato dello stesso argentino ma nel secondo tempo è bravissimo proprio sul “Toro” quando non va giù nell’uno contro uno e lo mura.

Tomovic 5: Pessimo in difesa e in attacco, quando liscia clamorosamente un pallone solo da spingere in rete. Sarebbe stato il 2-2.

Vicari 5: Tirato giù da una difesa che affonda.

Igor 5: Indecisione quasi letale in area di rigore, ma Lukaku non né approfitta. Pasticcia col pallone tra i piedi e Lautaro lo costringe all’errore, nasce così l’azione che porta al raddoppio nerazzurro. Perde quasi tutti i duelli fisici con Lukaku.

(Dal 37’ s.t. Jankovic: s.v.)

Strefezza 5,5: Lazaro lo costringe a stare molto basso, non riesce a prendere alcuna iniziativa degna di nota. Esce per una botta.

(Dal 42’ p.t. Cionek 6: Con lui in campo Lazaro non riesce mai a sfondare).

Murgia 5,5: Primo tempo anonimo, poi cresce e gli capita anche una buona occasione, che però non sfrutta.

Valdifiori 5: È lui a perdere il pallone che avvia il contropiede-gol del vantaggio nerazzurro.

(Dal 25’ s.t. Floccari 5,5: Entra e impegna subito Handnovic manca botta da fuori è centrale. Semplici lo mette in campo per far salire di più la squadra, in parte ci riesce. 

Kurtic 6: Gioca con personalità e tecnica, prova la conclusione dalla distanza ma la mira non è precisa.

Reca 5,5: Soffre Candreva e si propone ben poco.

Petagna 5,5: Tanti duelli fisici ma nessun tentativo verso la porta avversaria. Si sfianca ma non punge.

Valoti 6,5: Sulla distinta farebbe l’attaccante, in campo è in effetti un centrocampista aggiunto ed è proprio partendo da dietro che si infila nella difesa nerazzurra per trovare il gol del 1-2.

Semplici 5: La sua squadra propone poco e niente al San Siro.