149
Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha parlato di Cristiano Ronaldo in un'intervista a Record

"Non è diverso da come immaginavo. Mi sono imbattuto in un grande professionista, ma ero convinto che lo fosse. Ha un enorme spirito competitivo che ci ha aiutato e che ha contribuito alla nostra crescita, non solo dei più giovani ma di tutti i giocatori. Ogni giorno vuole sempre essere migliore e questo è un valore prezioso che si unisce al valore di ognuno. Dal punto di vista tecnico, è ovvio che il suo talento è riconosciuto da tutti, ma richiede sempre il massimo a se stesso. Diciamo che, più che sorpreso, è particolarmente piacevole vederlo giocare per il semplice motivo che è un giocatore diverso dagli altri".

VIRTÙ - "La più grande virtù di Ronaldo è quella di essere sempre concentrato, sia in partita che in allenamento. Anche se a volte sembra essere un po' assente, la verità è che è focalizzato al cento per cento. E questo atteggiamento c'è in qualsiasi momento della partita, anche se per esempio in 90 minuti arriva una sola palla".

COSA CHIEDERGLI - "[sorride] I gol! Gli si chiede sempre ciò che conosce meglio e con una naturalezza impressionante. Allora sappiamo, già in anticipo, che sarà a disposizione della squadra con grande umiltà. E questo è un altro valore intrinseco di Cristiano e un esempio per tutti".

ALLENARE CR7  - "È una gioia! Il campionato è un obiettivo naturale della Juventus, mentre la Champions bisogna avere anche fortuna per conquistarla. Per noi Juve e per il calcio italiano, avere Ronaldo in Italia dovrebbe essere una gioia. Il campionato può dotarsi di grandi campioni, valorizza la competizione e chi vi partecipa".