26
Intervistato da Amazon nel prepartita della sfida contro lo Zenit, l'amministratore delegato della Juventus, Maurizio Arrivabene, ha anticipato così la gara di Champions.

BELLA JUVE - "Piano piano questa juve lo sta diventando. Non è una questione di bello o brutta. La questione è di quanto sei determinato. Se sei determinato per gli obiettivi, lo spirito di squadra è forte e puoi superare tutti gli ostacoli". 

LA SQUADRA - "Team o squadra? Me l'aspettavo. Prima o poi sarebbe arrivata. Ci sono molte similitudini. C'è la performance e poi l'aspetto economico, discorso lungo ma interessante. La performance? Vincere l'accomuna. La cosa più importante nello sport. Ci sono similitudini che non appaiono. In Formula 1 hai due piloti che paragonerei ai bomber di una squadra di calcio, dietro c'è una squadra che lavora, di là dei tecnici. Hamilton, per fare un esempio e senza che lui si offenda, non sarebbe così vincente con una vettura diversa. Nel calcio lo stesso: un bomber eccelle per la classe, determinazione... ma ha bisogno di una squadra. La squadra ha 20-25 elementi chiave, di là hai 60-70 persone. Il motore di una squadra è l'essere umano, è l'uomo. Il motore di un'auto di Formula1 è dato da un lavoro tecnico. Però l'emozione è la stessa".