Sono ore di profonda riflessione quelle che sta vivendo la Juventus. A quasi una settimana dall'addio, ufficiale, a Massimiliano Allegri, i dirigenti bianconeri stanno proseguendo il loro lavoro alla ricerca del successore dell'allenatore degli 11 trofei in cinque anni. Una caccia non facile e ricca di ostacoli, in cui però iniziano a delinearsi alcuni nomi come i preferiti, con altri profili considerati come seconde scelte.

DOPPIO CONTATTO - Nelle ultime ore sono diventati Maurizio Sarri e Mauricio Pochettino i due candidati forti alla panchina bianconera. Entrambi impegnati nelle finali europee (quella di Europa League per l'italiano, quella di Champions l'argentino), per chiudere un'eventuale trattativa con loro occorrerà aspettare ancora qualche giorno. Proseguono, però, i contatti: secondo La Gazzetta dello Sport ieri ce n'è stato uno, diretto, tra Andrea Agnelli e lo stesso Sarri. Nei tanti incontri avuti a Palazzo Parigi, invece, Fabio Paratici ha incontrato anche Frank Trimboli, intermediario di mercato molto vicino a Levy, presidente del Tottenham, che - come appreso da Calciomercato.com - ha avuto l'incarico di sondare la possibilità di portare l'ex allenatore del Southampton alla Juve.
 

PEP RESTA AL CITY - In questa situazione, intanto, impazza il nome di Pep Guardiola, il vero sogno di tanti tifosi juventini. Un sogno che, per il momento, sembra destinato a rimanere tale. L'intenzione del tecnico catalano è quella di restare al Manchester City almeno fino al 2021, quando scadrà il suo contratto, e magari arrivare a un ulteriore prolungamento, come vorrebbero i Cityzens. Nessun segnale di un addio imminente o di rottura, anzi.  Scopri di più su Serie alla De Cecco