81
Non è iniziato bene il 2016 per Juan Cuadrado: non è ancora stato schierato come titolare e il suo riscatto dal Chelsea non figura fra le priorità della Juventus. Per quanto riguarda il campo, domenica a Udine o mercoledì in Coppa Italia contro la Lazio il colombiano dovrebbe avere l'occasione di partire dal 1°, nell'ambito di una rotazione che Massimiliano Allegri ha programmato per fare arrivare l'intero gruppo al top per la fase decisiva della stagione, in particolare per il doppio impegno in Champions League contro il Bayern Monaco. 

In chiave mercato, invece, la situazione è più complessa. Cuadrado ha pagato l'avvio negativo della stagione bianconera: nel periodo in cui è stato schierato più spesso fra i titolari, la Juve ha attraversato la sua crisi. Non che fosse colpa (solo) sua, intendiamoci: fra il cambio della guardia fra chi era uscito (Tevez, Pirlo, Vidal) con i nuovi acquisti e la raffica di infortuni, sono state altre, e di sistema, le ragioni dell'avvio shock dei campioni d'Italia. Poi, il cambio di modulo, coinciso con la rinascita in campionato, ha di fatto messo Cuadrado quasi ai margini dell'undici titolare: la sua natura tattica un po' anarchica mal si sposa con il 3-5-2, che agli esterni richiede un estenuante lavoro di sacrificio e di precisone nelle distanze. 
Il risultato è che del riscatto di Cuadrado non si parla più. Da qui a fine stagione magari le cose cambieranno, ma per il momento si può dire che il classe 1988 ex Fiorentina non rientri nei piani della Juventus per il 2016-17. Se si tratti (anche) di una strategia di Beppe Marotta per abbassare il prezzo lo vedremo, ma per il momento non sembra così, l'ipotesi più probabile è che Cuadrado non faccia parte del progetto Juve per il futuro. Le cifre del riscatto? L'accordo siglato il 25 agosto con il Chelsea non ne prevedeva: prestito secco e basta. Gli accordi verbali con i Blues invece prevedevano un eventuale riscatto a 27 milioni di euro, poi scesi a 20-22 in autunno. E ora? La Juve, se decidesse di riscattarlo, non spenderebbe più di 10 massimo 15 milioni. Ma se dovessimo scommetterne anche uno solo di quegli euro, oggi, lo giocheremmo sul ritorno a Londra, a giugno, del numero 16 bianconero.