70

L'estate del 2013 potrebbe essere quella della definitiva consacrazione di Beppe Marotta come dirigente calcistico di alto livello. Consegnati a Conte due attaccanti del livello di Fernando Llorente e Carlos Tevez per la modica cifra di 9 milioni di euro, è sul famigerato mercato in uscita che l'ad della Juventus potrebbe fare il vero capolavoro.

Ceduto già Emanuele Giaccherini per una cifra complessiva che si aggira sui 10 milioni di euro (con tanto di plusvalenza di circa 7 milioni a bilancio), Marotta si appresta a monetizzare in maniera importante gli imminenti addii di Felipe Melo (che per 5 milioni può essere acquistato dal Galatasaray) e Reto Riegler (che piace all'Amburgo). Complessivamente, da questa doppia operazione la Juve spera di ottenere circa 8 milioni, senza tenere conto del risparmio sugli ingaggi al lordo. E poi c'è Fabio Quagliarella, al momento l'attaccante maggiormente indiziato per una cessione, visto che l'ambizioso Norwich City fa sul serio per lui e propone 8 milioni per il suo cartellino.

Restano da piazzare De Ceglie e Marrone, probabilmente in prestito, e almeno un'altra punta tra Matri, Vucinic e Giovinco, che porterebbero insieme agli altri i soldi per un esterno sinistro (Zuniga o Kolarov) e magari per fare un ulteriore regalo ad Antonio Conte.