225
La risposta non è arrivata, nemmeno oggi. Un altro episodio della telenovela Angel Di Maria può quindi essere archiviato senza la parola fine. Sperava, voleva, la Juve che potesse arrivare in giornata un segnale inequivocabile. Ma dal fronte del giocatore in realtà non era stato lanciato alcun messaggio che potesse far capire che ci sarebbe stata così in fretta (dal suo punto di vista) la decisione finale. Però di cose ne sono successe anche in questa giornata, una in particolare. Per la prima volta dall'entourage del giocatore guidato da Lisandro Pirosanto è filtrata la volontà di mettere un punto per non andare troppo in là nel tempo con una situazione in sospeso. Così dal team di Angel Di Maria è arrivata la comunicazione che questa settimana, sì, deciderà del suo futuro. È il tassello che mancava tra ultimatum dati senza convinzione e rilanci da parte della Juve, l'agenda bianconera non ha avuto particolari punti di incontro con quella del giocatore argentino. Ma ora è Di Maria ad aver deciso di voler decidere senza ulteriori rinvii, entro questa settimana.
LA SITUAZIONE – In tutto questo rimane quel sentimento di cauto ottimismo a trapelare dall'ambiente bianconero. Un po' perché l'attesa di Di Maria non ha portato a particolari segnali o rilanci da altre squadre, in particolar modo da un Barcellona che appare in altre faccende affacendato. Un po' perché la trattativa è andata avanti, con la Juve che ha via via provato ad accontentare le richieste di Di Maria: un solo anno di contratto, a 7 milioni netti più bonus. E un ruolo da protagonista prima e dopo il Mondiale, con la fiducia totale da parte di Max Allegri riguardo l'atteggiamento sempre al massimo del Fideo. In fondo, se fin qui non era arrivato un “sì” è anche vero che non era arrivato nemmeno un “no”. Ora un messaggio è arrivato a destinazione, basta rinvii. Dentro o fuori, questa è la settimana. Non è più la Juve a volerlo, crederlo, sperarlo. È Di Maria a farlo sapere.