201
La punta, la punta, la punta. Non può permettersi distrazioni la Juve sul mercato, finché non sarà terminata la caccia al centravanti persino le vitali cessioni non possono che passare in secondo piano. Con Luis Suarez che si allontana forse definitivamente, con Edin Dzeko che si avvicina a un solo sì di distanza (quello di Arek Milik al Napoli), ecco però che parallelamente non può fermarsi il mercato in uscita. E a margine dell'operazione Dzeko, Juve e Roma sembrano ormai vicine all'intesa anche per un'altra trattativa: quella che può portare in giallorosso Mattia De Sciglio.

LA TRACCIA – Almeno tecnicamente, si tratta di un affare staccato da quello che potrebbe (dovrebbe) portare Dzeko a Torino. Alla Roma serve un terzino, il progetto giallorosso è quello giusto per convincere il giocatore a lasciare il club bianconero. E se c'è intesa per quel che riguarda la valutazione complessiva di 10 milioni, le società sono ancora al lavoro per definire la formula. Con la Roma che spinge per un prestito oneroso con diritto di riscatto, mentre la Juve avrebbe bisogno di completare una cessione a titolo definitivo o con un obbligo di riscatto quasi assicurato. Dettagli, forse, destinati a essere limati. Piuttosto l'operazione potrebbe complicarsi con il protrarsi dell'attesa per la risposta di Milik.
E POI... - Prima Dzeko, poi De Sciglio. E poi potrebbe esserci anche un altro discorso in ballo, quello di almeno un giovane della Roma in direzione Torino bianconera. Magari con una valutazione anche simile, con Riccardo Calafiori e Alessio Riccardi (ora in prestito al Pescara) sempre in cima alla lista delle preferenze di Fabio Paratici e della Juve. Ma prima, appunto, Dzeko.