34
Sembrava quasi una tradizione. Il Real Madrid elimina la Juve, la Juve acquista Cristiano Ronaldo. L'Ajax elimina la Juve, la Juve acquista Matthijs de Ligt. Poi tocca al Lione eliminare la Juve, ma questa volta l'uomo più rappresentativo non è stato ingaggiato dai bianconeri. Non che Houssem Aouar, decisivo in Champions tra andata e ritorno con quei due strappi che hanno portato al gol di Lucas Tousart all'andata e al rigore trasformato da Memphis Depay al ritorno, non piacesse. Tutt'altro. Ma le strategie bianconere sono cambiate e ricambiate, prendendo poi una direzione definitiva dopo il cambio di guardia tra Maurizio Sarri e Andrea Pirlo. E per quanto Fabio Paratici fosse sulle tracce di Aouar ormai da un paio d'anni almeno, per quanto i contatti con il Lione andassero avanti da diversi mesi, alla fine il centrocampista francese era stato di fatto mollato dalla Juve già in tempi non sospetti, un po' per le richieste di Jean-Michel Aulas e quindi per motivi economici (gli stessi che hanno portato l'Arsenal a dover rinunciare in extremis all'obiettivo numero uno del proprio mercato), un po' perché le priorità bianconere erano cambiate. Ma a mercato concluso, inizia tutta un'altra partita.
SI RICOMINCIA – Già, perché la speranza di Paratici era proprio quella che alla fine Aouar potesse restare ancora al Lione. La telefonata esplorativa degli ultimi giorni di mercato era legata proprio a questo aspetto, non c'erano margini per ipotizzare un inserimento last minute, ma per capire se cominciare a ridefinire un progetto per il futuro invece sì. Voleva sapere l'uomo mercato bianconero se alla fine Aouar fosse davvero pronto a diventare un giocatore dell'Arsenal, in caso contrario quali fossero le richieste del Lione in ottica 2021: la più classica delle richieste di informazioni, su cui poter eventualmente imbastire una nuova strategia in vista di tempi migliori. Con la Juve che a questo punto proverà a mettersi nelle condizioni di iscriversi di nuovo alla corsa per Aouar, la stessa dalla quale si era tolta ben prima che l'ultima sessione di mercato entrasse nel vivo.