102

Dire che Arturo Vidal sia in vendita forse è sbagliato. Ma di certo non è nemmeno incedibile. E in casa Juve per fare in modo che un nuovo ciclo almeno altrettanto vincente possa iniziare prima ancora che debba finire quello precedente, è necessario cambiare qualche pedina fondamentale e fare anche un po' di cassa. Se il rinnovamento passerà inevitabilmente dalle situazioni legate a Pirlo e Tevez, l'aspetto incasso non può che essere solo marginalmente toccato dalle loro eventuali ma sempre più probabili partenze. Settimana dopo settimana anche il capitolo Paul Pogba sembra poter essere congelato per un'altra stagione, tutto sommato per la soddisfazione di tutti. Ecco che quindi per portare a termine un calciomercato a cinque stelle, oltre alla crescita del fatturato e della “potenza di fuoco” di cui ha parlato Andrea Agnelli nella conferenza stampa di fine stagione, potrebbe essere necessario sacrificare uno degli uomini chiave della rinascita bianconera: e i principali indizi portano proprio a Vidal, tra l'altro unico giocatore bacchettato da Allegri dopo la finale di Champions persa col Barcellona.


SFIDA CITY-ARSENAL – Difficilmente si arriverà alle cifre che la scorsa estate era disposto ad offrire il Manchester United, per un sacrificio di oltre 50 milioni che in casa Juve è stato giustificato dalla necessità di non indebolirsi in un'estata calda come quella scorsa, scelta abbondantemente premiata da un triplete cullato fino al 6 giugno. Nonostante una stagione a livello individuale tra più bassi che alti, l'interesse per Vidal rimane alto tra le grandi società d'Europa e un'offerta attorno ai 40 milioni questa volte dovrebbe convincere Marotta a lasciar partire Re Artù. In questo senso la società che prima di tutti si è mossa è stata l'Arsenal, ma pur essendo in vantaggio non è la sola grande della Premier League: negli ultimi giorni anche il Manchester City ha mosso i primi decisi passi, pronto a pareggiare l'offerta dei Gunners di circa 35 milioni.


MADRID NEL DESTINO Secondo quanto raccolto in esclusiva da calciomercato.com, Vidal se potesse evitare un nuovo netto cambio di vita come quello cui andrebbe incontro andando in Inghilterra, lo farebbe. L'esperienza tedesca ai tempi del Bayer Leverkusen non è stata semplicissima a livello d'ambientamento, motivo per cui ad esempio non è stato preso in considerazione il primo sondaggio dello Schalke 04 rimasto spiazzato dal sorpasso subito su Khedira proprio ad opera della Juve. E motivo per cui Vidal sembra stia spingendo per un meno traumatico passaggio in Liga: Rafa Benitez lo ha messo nella sua lista degli acquisti per il Real che verrà, convinto che nel suo 4-2-3-1 Vidal riuscirà a fare quello che non è mai riuscito ad Hamsik a Napoli. Non solo, negli ultimi giorni l'asse Atletico Madrid-Juve è diventato incandescente anche e soprattutto per parlare del cileno, obiettivo numero uno del mercato richiesto da Pablo Simeone. Intanto proprio ieri il cileno si è trovato costretto a trascorrere una notte nella capitale spagnola, imprevisto dettato dal ritardo del suo aereo che ha fatto saltare la coincidenza con il secondo volo e lo farà arrivare alla corte di un irritato Jorge Sampaoli solo a ridosso del debutto in Coppa America: chissà che non sia stata questa l'occasione per ricevere qualche visita interessata.

Nicola Balice
@NicolaBalice