Commenta per primo

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport per presentare la sfida contro l'Olympiakos, l'amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta, si aspetta una battaglia: "Senza dubbio è una partita importante, la posta in palio è alta e noi cerchiamo di ottenerla per intero. L'avversario è molto preparato in un clima che giocherà a loro favore. Sarà una battaglia. Sfida decisiva dopo la sconfitta con l'Atletico Madrid? Il clima credo non sia diverso. L'Olympiakos ha battuto l'Atletico e questo può darci una grossa motivazione. Quella di stasera lo ripeto sarà una guerra sportiva".

Sulle scelte di Allegri e sull'esclusione di Llorente: "Il significato di queste scelte è che la Juventus non può avere solo 11 giocatori competitivi. Si deve avere una rosa competitiva in ogni reparto. Il turnover è normale e consiste solo nelle scelte dell'allenatore che valuta il lavoro in settimana negli allenamenti. Poi le partite sono lunghe e ci sarà spazio nel corso dei 90 minuti per vedere in campo anche quei giocatori esclusi all'inizio".