792
Ronaldo, ancora una volta. La Juventus pareggia 2-2 contro la Roma grazie alla doppietta di CR7, che evita a Pirlo la prima sconfitta in carriera da allenatore. Inutile girarci troppo intorno, non è la squadra vista con la Sampdoria, il 4-4-2 non funziona, Morata, lanciato titolare, non è ancora entrato nei meccanisimi, Kulusevski sull'esterno fatica a carburare, Bonucci e Chiellini, nella difesa a 4, non dimostrano la solita sicurezza. I giallorossi si divorano il vantaggio con Mkhitaryan, che salta Bonucci come un birillo ma calcia su Szczesny, lo trovano con il rigore di Veretout, concesso per fallo di mano di Rabiot. La Juve reagisce con il solito Ronaldo, che trasforma il rigore concesso per fallo di mano, anche in questo caso, di Pellegrini, ma la Roma sfrutta una ripartenza per fare male ancora con Veretout.

SEMPRE RONALDO - Nel secondo tempo la Juve rimane in dieci per l'espulsione di Rabiot che, già ammonito, stende Mkhitaryan​, ma il solito Ronaldo va in cielo per mettere in porta di testa un cross dalla destra. Prima, Dzeko fallisce il colpo del ko, colpendo il palo da pochi passi. Un'occasione persa per la Roma, un punto guadagnato dalla Juve.

:(match_center_plus)