Calciomercato.com

Kakà: 'Amo il Milan e ora so che posso tornare, il ruolo lo sceglieremo. Non ho ancora deciso se smettere' VIDEO

Kakà: 'Amo il Milan e ora so che posso tornare, il ruolo lo sceglieremo. Non ho ancora deciso se smettere' VIDEO

  • Daniele Longo
Kakà e il Milan sono pronti a scrivere un nuovo capitolo della loro storia d'amore. Il brasiliano è a Millano e questa mattina ha incontrato la dirigenza rossonera a Casa Milan. Il club di via Aldo Rossi vuole fortemente riaccoglierlo nella sua famiglia, all'interno dell'organigramma societario. 



12.30 LE PAROLE DI KAKA - "Devo decidere se giocare ancora o no, se continuare nel calcio o no, perché d’ora in poi questa sarà la mia vita. Questo ho detto a Marco Fassone. Riavvicinarmi al Milan è bellissimo e ora so che c’è la possibilità di stare vicino al Milan. Per ora è un’ipotesi, per il ruolo si vedrà. L’idea penso che sia chiara per tutti: portare il Milan ad essere di nuovo una squadra protagonista in Italia ed in Europa. Io sono sempre innamorato del Milan, il rapporto con la squadra, con la società e con questi tifosi è bellissimo: strano per un brasiliano avere un rapporto così con un club italiano”.

12.20 TERMINATO L'INCONTRO - E' terminato poco fa l'incontro fra Ricardo Kakà e Fassone.

11.11 VERTICE - Kakà è a colloquio con Fassone nell'ufficio dell'amministratore delegato rossonero. 

10.50 LA VISITA AL MUSEO DI CASA MILAN
10.45 TIFOSI IN DELIRIO

10.40 E' A CASA MILAN

PRIMO CONTATTO - Ricky arriverà alle 10.30 a Casa Milan: un giro al museo e la possibilità di un primo incontro con Marco Fassone. Dopo i tanti messaggi degli ultimi mesi, l'a.d rossonero vuole capire le intenzioni del brasiliano, confrontarsi con lui su possibili progetti futuri da portare avanti insieme. C'è la chiara  intenzione di tornare a lavorare insieme, magari dalla stagione 2018-2019. Prime bozze di idee sarebbero quelle di affidargli un ruolo un ruolo da dirigente o allenatore di una squadra giovanile.  Kakà, però,  non ha ancora escluso la possibilità di giocare ancora sei mesi.

Altre notizie