53
Keita Baldé voleva tornare in Italia già durante la scorsa estate. Con l'Inter ha vissuto una buona stagione, un gol pesantissimo con l'Empoli nel match che è valso una buona parte di Champions League ma niente riscatto dal Monaco per una cifra troppo alta. Per questo, durante i mesi scorsi c'è stato un sondaggio per portare Keita al Milan, alla ricerca di quella tipologia di attaccante e anche molto stimato da Marco Giampaolo per caratteristiche.


LA DECISIONE - Un flirt durato poco, perché l'idea rossonera è realmente esistita ma il Monaco non ha fatto sconti o formule comode per liberare il senegalese. Non solo, la decisione del Milan è stata completamente diversa: investire su un giocatore più pronto e affidabile come doveva essere Angel Correa ed è stato Rebic, piuttosto che virare su Keita che veniva da un'annata positiva ma non da protagonista fisso con la maglia dell'Inter. Maldini, Boban e Massara hanno avuto sempre le idee chiare, Keita e il Diavolo si sono incrociati come idee per pochi giorni. A gennaio, chissà.