35
Kalidou Koulibaly, difensore del Napoli, ha concesso una lunga intervista a Onze Mondial nella quale ha parlato anche del proprio futuro. Di seguito alcuni estratti riportati da Tuttonapoli: "Cosa mi fa amare la città? Tutto (sorriso)! Il sole, il mare, le persone, l'entusiasmo per il calcio. Che abbiano 10 o 70 anni, amano il calcio. Tutti ti parlano di calcio. Mi piace molto il loro modo di accogliere gli stranieri. La mia famiglia e i miei amici sono più accolti di me quando arrivano in città e dicono il mio nome, sono accolti a braccia aperte, è qualcosa di grandioso. Amo vivere qui. I bambini lo adorano. Quando siamo in Francia, chiedono di tornare al Napoli. Amano la cultura italiana. I miei figli parlano correntemente l'italiano. Sono qui da 8 anni. Se sono ancora qui nonostante tutto quello che è successo è perché mi sento bene qui".

PRESSIONE - "Non è pesante? È vero. Può essere pesante. Ma quando sei giovane, cosa cerchi? Vuoi firmare autografi, scattare foto, farti riconoscere dalle persone per strada. A Napoli sei servito. Non puoi lamentarti di questo. A volte vuoi avere momenti di intimità con tua moglie o i tuoi figli. Quando vai in città, vuoi stare tranquillo. Ecco perché condivido le cose. Quando sono con la mia famiglia, cerco di scattare meno foto possibile. Dico alle persone che sono con la mia famiglia e loro capiscono. Quando sono solo o con gli amici, mi fermo per tutti. Quando sono con la mia famiglia, dico loro: 'Sono con la famiglia, possiamo farlo un'altra volta?'. E capiscono".

OTTO ANNI A NAPOLI - "Se mi immaginavo di restare così a lungo quando sono arrivato? No. Soprattutto dal momento che il mio primo anno è stato difficile, stavo per partire. Molte persone non mi hanno visto arrivare dove sono oggi. Francamente non pensavo di restare otto anni al Napoli, soprattutto perché avevo offerte da alcuni club. Pensavo davvero che i leader mi avrebbero svenduto, ma non l'hanno fatto. Hanno deciso di tenermi. Rimanendo otto anni nello stesso club, pochi giocatori hanno raggiunto questo obiettivo durante la loro carriera, è gratificante. Oggi sono contento perché nonostante tutto sto facendo una buona carriera, ho un buon livello e sto cercando di migliorare ulteriormente".
PERCHE' E' DIFFICILE LASCIARE NAPOLI? - "Per cominciare, c'è la volontà dei sostenitori. Qui si ascoltano i sostenitori. Il presidente tiene conto della loro opinione. Quando non vogliono che un giocatore se ne vada, quel giocatore non si muove. Il presidente cerca di accontentarli. A seguire, c'è anche il prezzo rivendicato dal presidente. A volte era troppo alto per alcuni club e bloccava le trattative. Dovresti sapere che non sono un ragazzo a cui piace andare a scontrarsi per ottenere qualcosa. Se devo andarmene un giorno, me ne andrò in modo pulito, piuttosto che combattere con il club. I tifosi del Napoli non meritano che io litighi o mi comporti male con il presidente o qualsiasi leader che me ne vada. Si fidano di me e io cerco di restituirli in campo. La mia educazione significa che non voglio andare allo scontro per andarmene. Se devo partire un giorno, me ne andrò, ma per il momento sono completamente tranquillo e sto bene a Napoli. Vedremo cosa accadrà a fine stagione".

COSA MANCA AL NAPOLI PER LO SCUDETTO - "Non lo so. Diamo tutto in campo. Stiamo cercando di vincere questo scudetto che ci sfugge da più di 30 anni. Manca qualcosa. Un occhio esterno potrebbe aiutarci. Dall'interno, sembra di dare il massimo. Personalmente, cerco di dare il massimo in ogni partita. A volte non vinciamo le partite che ci permetterebbero di passare in vantaggio, è un peccato. Non posso dirti cosa ci stiamo perdendo. Penso che un occhio esterno ci aiuterebbe a capire".