Commenta per primo
“Con l’avvento di Antonio Conte dopo il Mondiale un po’ sciagurato brasiliano credo che lo stesso c.t. abbia fatto una grossa ricerca nei giovani giocatori del nostro campionato. Se guardo la rosa della Nazionale italiana oggi, almeno 13 giocatori vengono dal settore giovanile e dalle nazionali giovanili e quindi vuol dire che negli anni passati è stato fatto un buon lavoro a monte”. Lo ha detto la storica bandiera viola e dirigente responsabile delle squadre giovanili azzurre Giancarlo Antognoni nel corso di un’intervista concessa al programma 30esimo minuto in onda questa sera, a partire dalle ore 21:15, sull’emittente Toscana Tv (canale 18 del digitale terrestre). “Gli stranieri pregiudicano un po’ i nostri calciatori italiani.- ha aggiunto Antognoni - Se guardiamo le squadre più forti del nostro campionato italiano, la maggior parte dei calciatori sono stranieri e c’è una difficoltà da parte del c.t. di trovare giocatori per la sua Nazionale. Ci sono giocatori italiani bravi, forse nell’Under 21 un po’ meno, che possono ambire ad arrivare nella Nazionale A. Intorno ad un’ossatura un po’ anziana formata da elementi come Buffon, Pirlo, Chiellini e Bonucci, si sono inseriti giovani molto interessanti”. “La Fiorentina ha avuto una partenza di stagione un po’ incerta, dovuta ad un mercato un po’ affrettato – ha sottolineato ancora Antognoni – I viola forse pensavano di dar via Cuadrado poi è rimasto, e con quella cessione poteva acquisire giocatori più importanti di quelli che ha acquisito, pur formando una rosa competitiva. In questo momento la Fiorentina ha una buona posizione di classifica, in prospettiva può sicuramente migliorare. C’è un eventuale possibile ritorno di Rossi fra qualche mese e questo penso sia mancato alla Fiorentina, per il resto ha confermato il valore di una squadra che sicuramente può ambire a questo famoso terzo posto visto che i primi due mi sembra che siano acquisiti. Il Tottenham? E’un  turno difficile quello dei sedicesimi di Europa League per la Fiorentina perché i viola non pensavano di trovare una squadra così competitiva dal punto di vista dei giocatori che ha. Gli inglesi non stanno andando benissimo in campionato ma hanno giocatori che possono in qualsiasi momento risolvere la partita. Conosciamo soprattutto Lamela, perché ha giocato nella Roma ma ha anche altri elementi importanti. Se la Fiorentina gioca come è abituata a giocare in questo ultimo periodo ha le possibilità di passare il turno. Borja Valero, Pizarro, Mario Gomez, Neto, Gonzalo Rodriguez, Aquilani sono tutti elementi che fanno la differenza a livello internazionale e lo dimostrano con le prestazioni soprattutto in Europa League”.