Calciomercato.com

L'ultima stanza di Maradona: dormiva nella sala del biliardo, su un materasso senza lenzuola

L'ultima stanza di Maradona: dormiva nella sala del biliardo, su un materasso senza lenzuola

Scandalo. Il Corriere della Sera racconta l'ultima stanza di Diego Armando Maradona, in una casa del ricco quartiere di San Andres: un materasso matrimoniale nero, senza lenzuola, con un televisore mezzo incellofanato e rovesciato sopra; l’affaccio su un canale e le finestre prive di tapparelle; un angolo cottura e box di panini sbocconcellati; scaffali vuoti e sul pavimento sporte di carta piene di panni, vicine a sacchi di plastica con effetti personali… Niente che somigli a un’assistenza ospedaliera domiciliare. Nessun defibrillatore, né bombole a ossigeno. Nulla che servisse ad assistere un paziente grave e incapace di badare a se stesso. Maradona in vita aveva posseduto decine di case lussuose, ma nell’ora della morte non stava neanche in una vera camera: lo facevano dormire, quando i dolori e la depressione gli permettevano di riposare, nella stanza destinata al biliardo. Al piano terra. Sistemato alla bell’e meglio, di fianco a un cesso chimico e al cucinotto.

Il più grande giocatore del mondo buttato in una sala giochi. «È perché non poteva salire le scale…», si giustifica adesso il suo amico-avvocato Matias Morla, quello che gestisce gran parte delle proprietà immobiliari all’estero e che una settimana fa accusava i soccorritori d’inesistenti ritardi (l’ambulanza arrivò in 11 minuti). Il contratto d’affitto l’avevano firmato lui e una delle figlie di Diego, Jana, scadenza 31 gennaio 2021. Doveva essere un’abitazione provvisoria, di convalescenza, e forse per questo s’era risparmiato sui soldi.

Altre notizie