229
Avete presente la folla in festa a Napoli dopo la vittoria della Coppa Italia? Ecco, a Torino, no. E in questo momento non è di certo per un maggiore senso civico della popolazione bianconera. Anche già a mezzanotte e mezza, in piazza San Carlo, lo storico punto di ritrovo per i festeggiamenti dei tifosi juventini, c’è giusto un accenno di festa. Piano piano, pianissimo, il numero di tifosi scesi per strada a far festa è passato a toccare forse il picco delle cento unità, tanto che definirla festa scudetto viene quasi da ridere, per non piangere. Certo, la paura coronavirus, ma la città ancora venerdì e sabato sera era piena, viva, colorata. Certo, è il 26 luglio e in tanti sono al mare o al paese. Certo, Juve-Sampdoria è finita quasi a mezzanotte e tra poche ore suona la sveglia per lavoratori e studenti universitari. Certo, tutto vero. Ma la sensazione è che questo scudetto sia realmente il meno sentito da parte di tutti i tifosi della Juve, forse non soltanto.

FESTA AL CONTRARIO - Qualche clacson che suona si sente in questa notte di mezza estate, un paio di bandieroni sventolano, i tifosi più irriducibili ma forse occasionali provano comunque a intonare qualche coro. Ma il senso è quello di una festa al contrario. Un po’ è vero che tutto questo è merito di una Juve che vince sempre e vince troppo, nove scudetti di fila hanno reso normale, anzi banale, un tricolore come questo. Sicuramente una Champions League tornerebbe a riempire la città di entusiasmo come una volta. Un po’ è colpa della Juve, che arriva al nono titolo consecutivo ma anche al primo targato Maurizio Sarri solo con la forza dell’inerzia. Questa è la festa al contrario che deve far riflettere, perché se fosse iniziata in uno Stadium pieno e in condizioni normali, forse non avrebbe assunto ugualmente proporzioni entusiasmanti. Questa è la festa che in realtà non stupisce nessuno è che in molti avevano pronosticato. Di una Juve molto social e molto poco sociale, che porta in piazza meno una manciata di tifosi. Per uno scudetto. Una festa che forse è la fotografia di questo scudetto.