Commenta per primo

Firenze, si sa, resta nel cuore, soprattutto per chi l'ha vissuta per cinque anni e mezzo, per chi ha visto nascere e crescere l'amore e per chi ha anche coronato il sogno di una vita, quello di sposarsi proprio all'ombra del cupolone. Rebecca Vinci e Dario Dainelli hanno iniziato a volersi bene proprio a Firenze, mentre l'ex capitano della Fiorentina stava vivendo uno dei suoi momenti più belli in maglia viola. La bellissima Rebecca (empolese di Vinci), finalista a Miss Italia nel 2004, e moglie di Dainelli dal 30 maggio 2011, si è raccontata in esclusiva al settimanale Brivido Sportivo. Del resto quella contro la Fiorentina non potrà mai essere una partita normale. 'Ovviamente non sarà una partita come le altre. Tutte le volte che lo vedo giocare dall'altra parte mi fa un certo effetto. Dentro di me però c'è sempre la speranza di vederlo tornare ad indossare la maglia viola. A Verona ci troviamo bene, città molto simile a Firenze sotto certi aspetti. Purtroppo però siamo lontani da casa e sentiamo molto la mancanza delle nostre famiglie e dei nostri amici. Le voci di un suo possibile ritorno a Firenze non rappresentavano niente di concreto. Probabilmente se la Fiorentina avesse realmente cercato Dario, adesso non giocherebbe a Verona. Tornare a Firenze significherebbe tornare a casa. Sarebbe un sogno. Il pregio migliore di Dario è che è altruista è generoso, il difesso è che è troppo ansioso e preciso. Gli auguro che la sua carriera sia ancora lunga, che possa giocare sempre al massimo delle sue qualità e magari tornare ad indossare la maglia viola'.

(Il Brivido Sportivo)