3

Anche se il calciomercato apre ufficialmente lunedì 1 luglio, l’atmosfera è già parecchio ‘calda’ e molte grandi società hanno iniziato numerose importanti trattative, alcune delle quali sono già state concluse. Tra queste ve ne sono varie che hanno portato nella nostra Serie A nuovi calciatori. Esempi di ciò sono Laxalt acquistato dall’Inter, Botta futuro centrocampista sempre dei neroazzurri e Llorente che invece farà parte della rosa della Juventus.

Diego Laxalt è nato nel 1993 in Uruguay. È un centrocampista che si adatta a diversi ruoli. La sua posizione naturale è  quella di ala sinistra, ma può essere utilizzato anche come regista o trequartista. E’ mancino e dotato di un buon rapporto altezza-peso: alto circa 1,78, pesa circa 66 kg. È rapido, ha una grande accelerazione, è resistente, è dotato di una buona corsa e di tanta grinta. Grazie al suo mancino possiede un bel tiro secco e preciso. Ha buona tecnica di base e senso del gol. Ha vestito la maglia dell’under 20 uruguayana con cui ha realizzato una rete. L’Inter l’ha acquistato dal Defensor Sporting Club (Uruguay).

Ruben Aleandro Botta Montero (Ruben Botta) nasce in Argentina nel 1990 e possiede anche il passaporto italiano. È un trequartista che può giocare pure ala sinistra o punta centrale. È mancino, ma sa utilizzare con disinvoltura anche il piede destro. Dotato di buone basi fisiche, può diventare davvero potente. Con il suo sinistro possiede un tiro forte e preciso. È molto abile tecnicamente, ha un grande dribbling e spesso riesce nell’elastico, è fantasioso e gode di un ottimo estro. Dal carattere tenace e generoso, sa farsi ben volere dai suoi compagni di squadra. Purtroppo ha dovuto subire un intervento al legamento crociato del ginocchio sinistro che lo terrà lontano dai campi per lungo tempo (si parla di inizio novembre).  L’Inter lo ha acquistato dal Club Atletico Tigre (Argentina).

Fernando Llorente nasce in Spagna nel 1985. A differenza degli altri due si è già affermato ad alto livello nel calcio europeo con la maglia dell’Atletich Bilbao. È una prima punta, è destro. Molto forte fisicamente. Alto  circa 1,95, pesa circa 90 kg. La sua migliore dote è il colpo di testa. Trasforma in gol quasi ogni pallone aereo che vaga nella zona di sua competenza. Il ‘Re Leone’ è molto abile nel ‘combattere’ con i difensori avversari sui quali, grazie al suo fisico, riesce spesso ad avere la meglio. È bravo nel fare le sponde e aprire varchi ai compagni. Nonostante la sua stazza non è macchinoso e si gira con buona velocità. È abile tecnicamente. Come da emblema dell’attaccante moderno corre tanto, è generoso e si sa far valere anche in fase di non possesso. Ha un grande fiuto del gol. Nella stagione 2011/2012 realizzò ben 17 reti nella Liga spagnola, 7 in Europa League e 5 in Coppa del Re. L’annata appena conclusasi è stata, per lui, meno prolifica anche per i problemi ambientali legati alla sua volontà di lasciare il club basco e il suo passaggio alla Juve. Da alcuni viene paragonato persino a Drogba. Vanta presenze e reti nell’under 17, 20 e 21 spagnole e nella nazionale maggiore. Con quest’ultima ha conquistato anche un mondiale e un europeo.