108
Il mercato della Lazio si infiamma, ma non nel verso giusto. Crescono infatti le già evidenti tensioni tra il direttore sportivo Igli Tare e il tecnico Maurizio Sarri sulle compravendite dei biancocelesti: l'allenatore avrebbe infatti avanzato delle richieste che si stanno scontrando con la lentezza di manovra del ds.

I RITARDI, LA QUESTIONE ROMAGNOLI E L'INCOMUNICABILITA' - Nel mirino i complicati rapporti e i ritardi per le trattative che non decollano: è arrivato solo Marcos Antonio a centrocampo, Alessio Romagnoli attende ma è pronto a firmare con il Fulham, con cui ha l'accordo totale. Perdere l'ormai ex capitano del Milan sarebbe considerato un errore capitale, ma quel che preoccupa ancor maggiormente è l'incomunicabilità tra le due figure e la mancanza di ascolto da parte del dirigente alle richieste di Sarri: non c’è mai stato feeling tra i due ma una distanza che crea difficoltà. 

IL CASO PORTIERE E LE INCOGNITE ACERBI-LUIS ALBERTO - Anche la questione portiere preoccupa. Sarri vorrebbe Carnesecchi nonostante l'infortunio, con un vice, Tare preferirebbe Sergio Rico, mentre per Romagnoli ballano 300mila euro. Francesco Acerbi è ormai separato in casa ma non è stato ceduto, per Luis Alberto è arrivata una proposta da 16 milioni più 3-4 di bonus ma Lotito ne vuole almeno 25. Mercato bloccato e insoddisfazione, soprattutto in ottica difensore centrale e terzino: Sarri non vuole andare in ritiro con una squadra incompleta.