Calciomercato.com

Lazio, ira Lotito sulla squadra: 'Svolta o salteranno delle teste'. Fabiani: 'Sarri resta, tutti insieme nel fango'

Lazio, ira Lotito sulla squadra: 'Svolta o salteranno delle teste'. Fabiani: 'Sarri resta, tutti insieme nel fango'

  • Redazione CM
  • 38
Il secondo posto in classifica di soltanto un anno fa sembra ormai un ricordo lontano e sbiadito in casa Lazio con una squadra involuta e incapace di reagire alle difficoltà uscita sconfitta ancora una volta in stagione e questa volta contro l'ex sorella minore, quella Salernitana un tempo club di proprietà e che appariva tutto fuorché un'avversario non alla portata. E invece un altro tonfo, con il patron Claudio Lotito furente con tutti, dall'allenatore ai giocatori, per una stagione che si sta rivelando non all'altezza degli investimenti fatti.

LA RABBIA DOPO IL KO - E il numero uno biancoceleste non è riuscito più a trattenersi e anche il giorno dopo la sconfitta, intercettato da Il Messaggero, si è lasciato andare ad accuse importanti verso i suoi tesserati. Lotito ha infatti sbottato: "Abbiamo perso una partita undico con uno (Candreva ndr.) e non si può continuare così. Serve una svolta subito o salteranno delle teste molto presto. Io sto in Molise per un convegno, ma ho dato indicazioni a Fabiani che sa cosa fare e ha carta bianca su tutto".

FABIANI DIFENDE SARRI E ATTACCA LA SQUADRA - Proprio il direttore sportivo ieri ha rinchiuso la squadra dentro Formello per un confronto acceso, ma volto a difendere la posizione dell'allenatore, Maurizio Sarri, che non a caso nel post partita aveva anticipato possibili dimissioni: "Se il problema sono io sono pronto a farmi da parte". E Fabiani, parlando alla squadra ha rimesso l'ex-Juve e Napoli al centro del progetto: "Abbiamo perso contro l'ultima in classifica. Ora basta. Se qualcuno pensa che l'allenatore venga sollevato dall'incarico si sbaglia. la melma la mangiamo tutti insieme adesso. Me compreso"

Altre notizie