Calciomercato.com

  • Lazio-Juventus, le pagelle di CM: Chiesa a folate, Vlahovic lavoro sporco, decide Milik. Castellanos illude

    Lazio-Juventus, le pagelle di CM: Chiesa a folate, Vlahovic lavoro sporco, decide Milik. Castellanos illude

    • Tommaso Fefé e Cristiano Corbo
    Lazio-Juventus 2-0

    LAZIO 
    Mandas 6,5: fa un miracolo su Vlahovic a metà primo tempo. Sicuro anche sulle uscite, meno bene invece con i piedi.

    Gila 6: vince nettamente il duello con Cambiaso, ma è costretto ad alzare bandiera bianca a fine primo tempo per un problema muscolare. (dal 1’s.t. Patric 6: bada sempre al sodo e allontana i pericoli senza troppi fronzoli)

    Romagnoli 5: prende la targa a Vlahovic e non lo molla un attimo. Milik invece se lo perde e rovina una serata che poteva essere storica per i laziali.

    Casale 6,5: deve fare il doppio lavoro per aiutare anche Hysaj, ma non si fa trovare mai fuori posizione.

    Marusic 7: risponde colpo su colpo agli affondi di Chiesa. Salva un gol fatto con un recupero miracoloso su Vlahovic.
     
    Cataldi 6: ordinato nella costruzione della manovra. Si muove bene anche senza palla. (dal 35' s.t. Rovella sv)

    Guendouzi 6,5: ci mette tanta cattiveria agonistica per dimostrate a Tudor la sua importanza in campo. A volte, per troppa foga, commette qualche errore tecnico banale. Compensa con una gran quantità di palloni recuperati. (dal 38' s.t. Pedro sv)

    Hysaj 5,5: non spinge con continuità come servirebbe. Kostic lo fa faticare tanto.

    Luis Alberto 6,5: batte per una volta bene un calcio d’angolo e la Lazio segna. Confeziona altri due cioccolatini per Castellanos: il secondo è quello buono per il 2-0.

    Felipe Anderson 6,5: fastidioso tra le linee per i difensori bianconeri. Recupera lui il pallone da cui nasce il corner dell’1-0. (dal 16’ s.t. Vecino 6: benzina in mezzo al campo per contenere il forcing della Juve)

    Castellanos 8,5: fa tutto lui. Gol alla Bobo Vieri per sbloccare la gara e dare energia a tutto lo stadio. Poi si divora il 2-0 a fine primo tempo, ma si fa perdonare in avvio di ripresa. In più, tantissimo lavoro sporco per scardinare il bunker bianconero. (dal 35' s.t. Immobile sv)

    All. Tudor 7: la Lazio mette sotto la Juve dal 1’ minuto con l’intensità e il palleggio nello stretto. Aveva chiesto una partita perfetta. Lo è stata per 80 minuti. Servirà come iniezione di fiducia per la corsa Champions.

    JUVENTUS
    PERIN 6.5 - Il Taty lo brucia solo quand'è perfetto. E sui due gol non può far nulla. Anzii: può solo urlare forte alla difesa.

    DANILO 5 - In debito di ossigeno, di idee, di leadership. Urlare a Orsato non vuol dire guidare questa squadra. E il Taty lo tiene in gioco lui...

    BREMER 5 - Perde un corpo a corpo che per uno come Bremer sembra blasfemia. Invece capita. E macchia una prestazione neanche malvagia.

    ALEX SANDRO 5 - Inizia tutto da lì, dall'inarcarsi su Castellanos che spalanca le speranze biancocelesti. Aridaje.

    CAMBIASO 5 - Non si salva nemmeno lui e nemmeno con gamba e tecnica. Stasera sfasato (dal 25' st WEAH 6.5 - Inizio horror, però la palla dentro per Milik è tutta sua. Riscatto).

    MCKENNIE 5 - Fa arrabbiare Allegri e verrebbe da abbracciarlo: è completamente fuori posizione e condizione. Ha mollato il colpo (dal 34' st YILDIZ s.v. - Premiato il coraggio di Allegri).
    .

    LOCATELLI 5 - Il giallo gli condiziona umore e prestazione. Da duro a leggero, la trasformazione al contrario. Non ha dato nulla.

    RABIOT 5.5 - Primo tempo di livello inferiore, ripresa con sprazzi interessanti. Ma si ferma sul più bello, dai.

    KOSTIC 5.5 - Per una Juve che non punge, Kostic non cambia traiettoria: tanto fumo e pochi cross.

    CHIESA 6 - Folate e involate. Belle da vedere, a volte utili, ma senza il pungiglione per tramortire la Lazio (dal 46' st ALCARAZ sv).

    VLAHOVIC 5 - Lavoro sporco, lavoro pulito. E il gol? Non arriva. Neanche per sbaglio. Quel destro largo è l'illusione più grande. Il recupero di Marusic sarà un bell'incubo (dal 34' st MILIK 7: prima palla, peso enorme. Ci arriva pulito e si regala la gioia nella stagione più dura).

    ALLEGRI 6 - Il calcio è un gioco semplice: Weah per Milik ed è 2-1. Sempre per loro. Dalle reazioni dei giocatori, però, prendiamoci un po' di sospiri e analizziamo

    Altre Notizie