11
Spezia-Lazio 1-2
 
Reina 6,5: a freddo mette provvidenzialmente le dita sul bolide di Estevez deviando la sfera sul palo. Gran personalità nei propri 16 metri, ma non può nulla sul gol di Nzola.
Ramos 5,5: soffre le serpentine di Farias, ma non solo lui. E’ infatti quasi sempre dalla propria zona di competenza che lo Spezia prova a sfondare.
Acerbi 6,5: dirige da par suo la difesa a tre poi però lascia troppa spazio a Nzola per la rete che riapre la gara.
Radu 6,5: bene nelle diagonali, Gyasi è innocuo e lo controlla agevolmente.
Lazzari 6: bene ma non benissimo. Non supporta a dovere Ramos durante la fase difensiva. Nella ripresa perde il tempo per mandare in porta due compagni.
Milinkovic-Savic 7: ruba palla a Maggiore ed innesca il vantaggio biancoceleste. Poi disegna un arco perfetto sulla punizione che porta al raddoppio. (29’ st Parolo s.v.)
Leiva 5,5: non pressa molto su Ricci. Sembra impalpabile. Ed anche in fase di possesso palla non incide (29’ st Escalante s.v. )
Luis Alberto 6: il re degli assist della passata stagione si limita ancora a fare il compitino comunque senza sbavature. (14’ st Akpa Akpro 6: Inzaghi crede molto nel ragazzo che mette freschezza in campo)
Marusic 5,5: partita anonima come quasi tutti i compagni di reparto.
Pereira 5,5: non trova la posizione in campo, un solo lampo nei 90’ ma vanificato dal Var.
Immobile 7:  l’ex ‘Scarpa d’Oro’ non si fa pregare alla prima occasione. Messo giù da Terzi al limite e Milinkovic pennella un gran arco. (14’ st Caicedo 6: mezz’ora per mettersi in evidenza. Il Var gli nega la gioia del gol)
All. Inzaghi 6,5: transizione e contropiede erano e restano le qualità migliori dei capitolini. Ha ottimizzato le forze a disposizione salvaguardando le energie in ottica Brugge.